Il 18° NEC Bridge Festival a Yokohama City

English version »

NEC-logoLa Nippon Electric Corporation (NEC) è una compagnia giapponese fondata oltre un secolo fa e oggi specializzata in tecnologia di computer e telefonia. Da molti anni sono sponsor di eventi di bridge; dal 1989 al 1995 hanno finanziato anche Bermuda Bowl, Venice Cup e Olimpiadi. La NEC Cup è un evento a squadre annuale istituito nel 1995 dalla Japan Contract Bridge League (JCBL) e finanziato da loro. L’edizione del 2013 è la diciottesima; si giocherà al Pacifico Yokohama dal 16 al 21 aprile. La formula è in gironi di qualificazione italiani seguiti da fase ad eliminazione diretta di 32 mani.

L’anno scorso vinse la squadra Australiana – Neozelandese “Down Under“, con Sartaj Hans, Tony Nunn, Martin Reid, Peter Newell, davanti ai bulgari di “All Stars“: Valio Kovachev, Vladi Isporski, Manol Iliev, Hristo Hristov.

Ambedue queste squadre sono qui anche ora, e di australiane ne arriveranno altre due: “Australia Youth“, con Justin Howard, Peter Hollands, Michael Whibley, e Liam Milne, e, meno giovani ma niente affatto vecchi, “Oz Players“: Ron Klinger, Matt Mullamphy, Bill Jacobs, Ben Thompson. Ron Klinger è un famoso giornalista e scrittore; il suo “Guide to better card play” nel 1991 fu premiato come Libro dell’Anno dall’Associazione americana Insegnanti, mentre nel 2009 un altro suo libro, “Right through the Pack again”, è stato Libro dell’Anno della International Bridge Press Association. Questa squadra presenta un altro scrittore: Bill Jacobs è autore di Fantunes Revealed, una descrizione del sistema Fantoni-Nunes che lui stesso gioca col suo compagno Thompson.

Un’altra squadra giovane – ma non più junior – è quella degli americani Curtis Cheek, Joe Grue, Joel Wooldridge, Johnny Hurd, Justin Lall, Ishmael Del’Monte (USA).

Jessica PiafskyGiovani sono anche Jacek Kalita e Jessica Piafsky, con Michael Nowsadzki e Dominik Fillipaiiczin nella squadra d’Israele.

Nel 2011 vinsero gli anglo-olandesi della squadra Neduk, con David Bakshi, David Gold, Jan Jansma, Ricco van Prooijen. Anche Neduk è qui.

C’è anche Lavazza (Maria Teresa Lavazza, Norberto Bocchi, Giorgio Duboin, Guido Ferraro, Agustin Madala, Antonio Sementa); vinsero la NEC nel 2010 battendo Zimmermann in finale. Lavazza giocherà anche la Yeh Bros Cup, l’evento biennale sponsorizzato da Chen Yeh, che si svolgerà immediatamente dopo la NEC; perciò Lavazza sarà presente ai Campionati Italiani, dal 25 al 28 aprile, con giocatori diversi: Bompis-Quantin e Astore-Cerreto.

L’Inghilterra è rappresentata anche da Pharon, un gruppo finanziario fondato da un bridgista, Roger O’Shea. Tom Hanlon e la famiglia Hackett di Manchester (papà Paul e i due gemelli Jason e Justin hanno vinto due volte la NEC).

Brian Senior (by Michele Leone)Nella terza squadra inglese (England) ci sono Sandra Penfold, Nevena Senior, Roumen Trendafilov e Brian Senior. L’ultimo è uno scrittore molto importante e frequentemente citato in Neapolitan Club; il suo “The all time best deals. Bermuda Bowl”, scritto insieme ad Henry Francis, è un capolavoro di tecnica bridgistica e storie umane.

Sabine Auken e Roy Welland stanno arrivando in Giappone senza Morten e Dennis Bilde, con i quali hanno trionfato nella Vanderbilt, ma insieme a Reese Milner, Heamont Lall, Michael Kwiecien, e Jacek Pszczola (Mixted).

Ci sono molte squadre giapponesi, ovviamente, ma una sola sudcoreana, Seoul; deve essere detto che la Korean Contract Bridge League conta solo 220 iscritti, quindi è comunque una grande partecipazione. Forza Seoul! Neapolitan Club tifa per voi! I loro nomi: Hiroki Yokoi, Hye Young Kim, Hyemin Oh, Yasuhiro Shimizu, Nobuyuki Hayashi.

 

Sito ufficiale dell’evento >>

***

Paolo Enrico Garrisi

 

(Visited 239 times, 1 visits today)
Previous Entries My way - Norberto Bocchi's Column (no. 9): Sepp Blatter is not the boss Next Entries The 18th NEC Bridge Festival - Yokohama City 2013