Get a site

Lavazza vince i Campionati italiani a squadre miste 2012

english version »

Si sono appena conclusi i Campionati Italiani a Squadre Miste 2012. La vittoria è andata alla rappresentativa Allegra Lavazza di Torino composta da Maria Teresa Lavazza, Giorgio Duboin, Cecilia Rimstedt, Norberto Bocchi, Marion Michielsen e Agustin Madala. Al secondo posto si classifica la squadra Fornaciari di Bologna con Carla Gianardi, Ezio Fornaciari, Cristiana Morgantini, Lorenzo Lauria, Monica Buratti, Carlo Mariani. A completare il podio la formazione Zenari di Trieste: Silvia Urbani, Fabio Zenari, Emanuela Capriata, Nino Masucci, Angela De Biasio, Antonio Cuccorese.

I Campionati a Squadre miste si sono svolti a Salsomaggiore (Parma) dal primo al 4 novembre 2012. Le serie in gara sono state: Eccellenza (10 squadre), serie A (3 gironi da 10 squadre ciascuno) e serie B (9 gironi di 10 squadre ciascuno).

Divisi nelle varie formazioni tutti i top player italiani erano presenti. Una curiosità: Claudio Nunes e Fulvio Fantoni, italiani ora residenti a Montecarlo, sono stati ingaggiati dalla formazione di Palma Bridge di Villa Fabbriche (iscritta nella Serie A). La loro partecipazione a questi campionati italiani è stata resa possibile grazie alle modifiche apportate al Regolamento organico della FIGB.

Prima delle modifiche, pubblicate in data 28/10/2012, infatti, il paragrafo n. 5 dell’articolo 22 del suddetto Regolamento recitava “I cittadini italiani, tesserati presso la F.I.G.B, nel caso in cui partecipino, in rappresentanza di Nazioni o Federazioni straniere a competizioni internazionali ufficiali della W.B.F. e della E.B.L. a squadre o a coppie, che non siano limitate alle gare a carattere transnazionale, non possono partecipare ai Campionati Italiani a Coppie e a Squadre e alle Coppe Italia per un periodo di tre anni a far tempo dall’ultima gara disputata in rappresentanza di una Federazione straniera.”.

A seguito di varie modifiche, rese necessarie per armonizzare la normativa italiana con quelle della European Bridge League (EBL) e della World Bridge Federation (WBF), tale paragrafo è stato cancellato.

Rialzi Norberto Bocchi in Nord (N-S in zona) aveva queste carte:
♠10974 A106532  ♣Q4
Est passa, la compagna di Bocchi Cecilia Rimstedt apre 1♠, Ovest passa, Nord salta a 3♠, tutti passano. +140. All’altro tavolo Nino Masucci salta invece a 4♠, -100, + 6 per Bocchi-Rimstedt.

3♠ è una licita suggerita da un corollario della Legge delle Prese Totali, impegnando la coppia a giocare allo stesso livello del numero d’atout (nove atout, nove prese). Ma non c’è prigione per i fuorilegge, così può essere trasgredita, anche perché la cosiddetta legge è una guida – se lo è – più per le licite interferite, e qui non sembra che gli avversari abbiano progetto di mettersi in mezzo.
Deve essere osservato che Nord ha un bel colore di quadri o buona capacità di taglio, ma non ambedue: se usa le atout per tagliare è molto difficile che riesca ad affrancare il colore lungo ed entrare al morto per incassarlo. Tutto cambierebbe, naturalmente, mettendo la donna o il re tra le quadri, insieme all’asso.

Ciò detto, se l’apertore avesse il minimo e quindi passasse sull’invito, sarebbe chiaro che le eventuali possibilità di manche dipenderebbero dalle quadri da lui stesso detenute, e non potrebbero essere accertate. Quanto difficile sia individuare questi valori lo possiamo verificare supponendo di dichiarare con inversione: sia 2♠ invitante e 3♠ interdittivo, e vediamo cosa succede. Se l’Apertore avesse il minimo, dopo 1♠-2♠ farebbe un tentativo solo con grande sbilanciamento. Ma il colore di tentativo non sarebbe quadri, dove probabilmente è corto, ma cuori o fiori (1♠-2♠; 3♣/). Oltretutto, se l’Apertore avesse una bicolore 5-5, anche col minimo mai passerebbe, comunque sia fatto l’invito, mediante 2♠, o 3♠, o mediante un gentile sorriso.

Conclusione: il colore lungo a quadri, che appare così importante, vale molto meno come indicatore delle possibilità di manche perché i valori che lo qualificherebbero sono sepolti nella mano dell’Apertore, e senza via per poter emergere.

La mano completa:

***

November 4, 2012

Laura Camponeschi & Enrico Paolo Garrisi

(Visited 202 times, 1 visits today)
Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.