Torneo Internazionale White House Junior 2012: L’Italia dice no

english version »

Il torneo internazionale White House (Carrousel Cup)  è una prestigiosa competizione riservata agli Juniores. Si svolge presso la sede del club White House: IJsbaanpad 45, Amsterdam. L’Italia, vincitrice del torneo nel 2010, era tra le nazioni invitate insieme a Israele, Polonia, Bulgaria, Croazia, Irlanda, Scozia, Inghilterra, Francia, Belgio, Repubblica Ceca, Germania, Austria, Danimarca, Norvegia, Svezia, Finlandia, e, ovviamente, l’ Olanda. Abbiamo appreso pochi giorni fa che i nostri juniores non parteciperanno a questa manifestazione; sul blog di Kees Tammens, l’organizzatore, c’era questo avviso: “Purtroppo l’Italia non è riuscita a reperire i fondi per mandare una squadra: i vincitori dell’edizione 2010, pertanto, non parteciperanno.”

C’è di più. Pochi giorni prima, il 15 marzo, Kees Tammens lamentava la mancata risposta da parte della Federazione italiana (FIGB) sulla nostra partecipazione dei nostri, e lanciava un pubblico appello:

“Se qualche italiano – junior o membro della Federazione – legge questo avviso, per favore risponda. Mi sono arrivati molti messaggi che assicurano la partecipazione dell’Italia ma ancora non è pervenuta alcuna comunicazione ufficiale. E’ lungo tempo che l’Italia partecipa ai tornei juniores internazionali che si svolgono in Olanda, pertanto auspico e sono fiducioso di avere con noi ad Amsterdam anche quest’anno la rappresentativa italiana”.

Neapolitan Club riprese nel suo articolo questo appello e lo stesso Kees Tammens lo rinnovò dalle pagine del nostro magazine.

Abbiamo chiesto un chiarimento al responsabile del settore Juniores della Federazione italiana, Giuseppe Failla.

Per quanto concerne il ritardo nella comunicazione Failla ci ha così risposto: “Il fatto è davvero spiacevole per me. Ho ricevuto circa tre mesi fa l’invito da parte dell’organizzatore del torneo e risposi che avremmo comunicato in seguito la nostra partecipazione: avvisai già allora che la Federazione Italiana aveva problemi di bilancio derivanti dalla condizione di commissariamento in cui, come è noto, versa la nostra federazione. Non ho più ricevuto gli ulteriori solleciti dell’organizzatore olandese e temo che questo sia avvenuto poichè il mio vecchio indirizzo di posta elettronica è stato chiuso.

La decisione finale della federazione di non mandare la squadra ad Amsterdam è stata presa poco più di una settimana fa, e non ero a conoscenza del fatto che non fosse stata ancora data comunicazione all’organizzazione del torneo. Dell’appello di Kees Tammens ho preso visione proprio leggendo l’articolo di Neapolitan club, citato su vari socialnetwork, qualche giorno fa. A quel punto mi sono immediatamente attivato e ho chiesto a Maurizio Di Sacco di scrivere una mail ufficiale nella quale la Federazione italiana ha avvisato dell’impossibilità da parte dell’Italia di accettare l’invito al torneo. Ho anche personalmente inviato una mail di scuse a Kees Tammens”:

Failla ci spiega poi le motivazioni della mancata partecipazione dell’Italia al Torneo Internazionale White House: “Abbiamo dovuto fare una cernita delle risorse disponibili in funzione di quelli che sono gli impegni economici previsti per gli Juniores per l’anno in corso. Noi abbiamo ben tre squadre qualificate al Mondiale che si giocherà a Taicang, in Cina: questo comporta per noi un esborso non indifferente.

Voglio chiarire che l’unico settore che non ha sofferto tagli nei costi nel bilancio 2012 è stato proprio quello Juniores. Come tutti sanno la Federazione italiana è in regime di commissariamento da parte del CONI: tuttavia i fondi per mandare gli juniores in Olanda probabilmente non li avremmo avuti nemmeno in regime ordinario perchè quest’anno sono previste già altre numerose spese.

Il commisario Marchioni ed il Vice commissario Quarnali, nell’ambito di un bilancio ridotto da tagli necessari, hanno privilegiato il settore Juniores: il bilancio per questo settore è addirittura superiore a quello del 2011. Pertanto abbiamo potuto confermare la partecipazione di 3 squadre al campionato giovanile mondiale di Taicang (Cina), il raduno degli juniores a Bologna con 40 ragazzi ospitati dalla federazione per due giorni, la partecipazione di 3 coppie al campionato giovanile europeo a coppie di Vejle (Danimarca). Purtroppo, o meglio fortunatamente, il calendario quest’anno è talmente pieno che è stato necessario operare delle rinunce, seppur con dolore.

Colgo l’occasione per ringraziare il commissario ed il vice commissario per la sensibilità dimostrata verso il settore giovanile”.

 ***

Laura Camponeschi

(23/03/2012)

(Visited 260 times, 1 visits today)
Previous Entries 2012 White House Junior International: Italy says no Next Entries Memphis 2012 - Vanderbilt Cup - Ottavi di finale: la Valle di Lacrime