Get a site

Migry va a Bali

English version »

La campionessa statunitense – con passaporto israeliano- Migry Zur-Campanile ha ottenuto il visto per Bali e potrà così rappresentare gli Stati Uniti alla prossima Venice Cup. L’annuncio è stato fatto da George Jacobs,  Presidente della federazione statunitense (United Stated Bridge Federation – USBF) su BridgeWinners.com. Mr Jacobs ci ha autorizzato a pubblicare le sue dichiarazioni.

jacobsA Migry Zur-Campanile sarà concesso il visto per giocare gli Stati Uniti agli imminenti mondiali di Bali. Eravamo alla fine del nono inning, con due out, 3 palle e 2 strike, quando il lanciatore ha gettato una insidiosa palla curva: la palla ha iniziato ad oscillare, poi ha continuato a volare veloce e sembrava stesse per uscire. Sembrava che fosse spacciata quando il destino intervenne. Uno stormo di oche bianche è sceso in campo e l’arbitro della terza base ha chiamato il tempo prima del lancio.

A Migry è stata concessa una sospensione… Alla fine ha vinto la partita ed è stata portata fuori dal campo. Poi le è stato consegnato il visto per andare a Bali dove la sua squadra ha vinto il campionato del mondo. Fine!

Suona un po’ come una favola, non è vero?

Migry è arrivata a Singapore lunedi scorso, aspettando e sperando per un visto. Ieri il visto le è stato negato. Pensavamo di aver fatto tutto il possibile per ottenere quel visto ma non era così. Diciamo che abbiamo voluto creare un po’ di suspance… E ora Migry giocherà i mondiali. Non riesco a descrivere lo stress che questa donna deve aver vissuto.

Ma quella mano è andata, adesso concentriamoci sulla prossima smazzata.

E’ davvero una buona notizia per Migry, per la sua squadra, per la USBF, per la WBF, per tutti i tifosi di bridge, per la federazione indonesiana ed il governo dell’Indonesia. Sarà una cosa buona anche per gli altri concorrenti che, se vinceranno, sapranno di aver battuto una squadra al massimo delle sue forze e non una formazione mutilata.

Un ringraziamento spediale va ad Arnold Laseduw della federazione indonesiana per i suoi incommensurabili sforzi. L’ Indonesia ha dimostrato che è possibile mettere da parte la politica, di saper fare la cosa giusta per un evento culturale che unisce le persone di tutti i paesi con un obiettivo comune.

Oggi ha vinto il bridge.

 Geroge Jacobs

 

***

 

(Visited 79 times, 1 visits today)
Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.