Filadelfia 2010 – Rosenblum Cup: semifinali (terzo turno)

Siamo alla semifinale (4 segmenti da 15 mani l’uno), e gli incontri si confermano molto combattuti. Nella prima semifinale, Zimmermann vs Diamond, assistiamo ad  un primo turno equilibrato  nel punteggio:  hanno giocato i Fantunes e i norvegesi Helgemo-Helness.

Nel secondo turno  la coppia Zimmermann-Multon, subentrata agli italiani,  ha mostrato qualche lacuna. Il secondo turno vede la supremazia di Diamond per  42 a 8: all’inizio del terzo turno lo score segna 45-82. E’ tutta in salita adesso.

 Eccezionale l’altra semifinale, Nickell vs Wolfson, con gli sfavoriti che tengono botta e addirittura vengono raggiunti sul pareggio solo nelle ultime mani del turno. A proposito di Wolfson, più di un bridgista con qualche anno d’età si ricorderà di lui, perchè una trentina d’anni fa era in Italia a studiare presso l’università di Bologna e agiocare a bridge nei circoli della citta con Bellentani ed altri conosciuti giocatori della zona.

Terzo segmento con le migliori coppie schierate da tutte le squadre, per Zimmermann abbiamo Fantoni-Nunes contro Hampson-Greco, e Helgemo-Helness contro Gitelman-Moss.

Prima mano in classico, totale, misfit. A fronte della 6511 nobile di Fulvio, Claudio si presenta con l’equivalente minore (02 nei nobili) e povera di punti. Dato però che il palo di picche è capeggiato da AKQ sarebbe opportuno sceglierlo come palo d’atout. Niente di tutto ciò, i nostri arrivano a 4fiori per una caterva di down (4). Nell’altra sala un Gitelman particolarmente… come dire… ispirato (ma è un eufemismo) apre di 3picche (AKQxxx, 109xxx, x, x,), se le gioca e segna altri 9 imps. Per la cronaca, Fulvio aveva detto passo:  immagino per motivi di sistema, mentre nell’altro incontro sia Pachtman che Rodwell hanno aperto 1picche, per poi giocarsi un parziale in quel colore.

 Piove sul bagnato. Mano 3

La dichiarazione va 1NT (sempre da sistema) di Claudio in Sud, pass-pass, 2NT trsf a quadri di Est (Greco), pass, 3quadri di Hampson, pass di Fulvio e… 3NT di Greco ! Come si chiama il livello successivo all’ispirazione ? Anche qui però, il sistema non ha aiutato. Se infatti si apre 1picche da sud, dopo l’ovvio appoggio di nord a qualsiasi livello, diventa impossibile per Greco produrre quella dichiarazione.

Insomma, dopo 3 board oltre ai 37 iniziali se ne aggiungono altri 20 da recuperare.

Dopo 5 recuperati (in 3 board… media troppo bassa), se ne perdono altri 5…  Claudio apre sempre di 1NT, se lo gioca ma si va down. Nell’altra sala un sistema più naturale permette ai verticali di trovare il migliore parziale a quadri.

Provano i nostri a dare un segnale al match, tirando allo spasimo un 3NT alla mano 11. Per farle, oltre ad un errore della difesa (puntualmente verificatosi), Claudio deve indovinare una Q in un palo composto da AJ10xxx per K9. Ma in una sera come questa i nostri non farebbero 6 al superenalotto pur giocando tutte le combinazioni possibili tranne 1… era seconda dopo l’Asso, e si va 3 down. 54-113 a 4 mani dalla fine del segmento sembrano mettere una pietra sulle nostre speranze.

Il sistema dei Fantunes fa guadagnare qualcosina al board 12, in quanto l’apertura costruttiva a livello 2 di Fulvio spaventa gli avversari che gli lasciano giocare un parziale per 2 down in zona, quando hanno 3NT (in prima) sulla loro linea. Ma questi 5 imps lasciano il saldo dare/avere ampiamente negativo.

+8 al terzultimo board. Stavolta bravi i nostri a non sforzare un fit limitato e 2 mani non ricche, e con un buono stop si fermano ad un parziale. Nell’altra sala, forse per motivi tattici, tirano la manche in zona che cade di 1 presa.

Nulla cambia alla fine, e si finisce il turno dietro di 46. 15 mani da giocare, il conto è presto fatto, bisogna recuperare poco più di 3 imps a board. Sembrano tanti, ma dopo aver assistito all’ultimo societario le parole “è finita” devono essere sostituite con le parole “è dura, ma….” Incrociamo le dita.

 Molto più combattuta l’altra semifinale, con Nickell in vantaggio di poco, oltretutto maturato solo negli ultimissimi board, che in qeusta manifestazione arridono quasi sempre a loro. Tutta da giocare, ed in ogni caso il risultato di Wolfson rivaluta in qualche modo l’eliminazione della squadra di Cayne, che ha perso contro una squadra molto ma molto in forma.

Ecco il running score alla fine del terzo turno:

( Clicca sulla Tabella per ingrandire l’immagine)

(Visited 89 times, 1 visits today)
Previous Entries Filadelfia 2010 – Rosenblum Cup: le semifinali raccontate da Gluck Next Entries Filadelfia 2010 – Rosenblum Cup: semifinali risultato finale