Filadelfia 2010: Rosenblum Cup: II KO prima sessione

Le 32 squadre superstiti si affrontano per il 2° ko nel primo dei 4 segmenti previsti. Le “nostre” 3 squadre hanno passato il turno chi più facilmente (Zimmermann e Cayne) chi con un po’ più di fatica come la Lavazza, che ha avuto bisogno di un 4° segmento da favola dove ha aggiunto ai 5 imps di vantaggio altri 50 (61-11) ed ha staccato il biglietto per i sedicesimi.

Dando uno sguardo alle altre sfide vediamo che hanno abbandonato il campo squadre importanti come Schwartz, Deutsch, Moss (eliminato dal team rumeno Coldea, avversario dei torinesi oggi), i francesi di Pinot Noir, mentre troviamo tutte le altre big.

Le nostre sono accoppiate secondo il tabellone con le seguenti avversarie: Zimmermann vs Camberos, Lavazza vs Coldea, Cayne vs Team Pharmaservice.

Camberos ha eliminato Italian Stallions dopo un incontro abbastanza equilibrato (127-95 ma 12 di questi imps si sono materializzati nelle ultime 7 mani), e nel girone di qualificazione erano insieme ad Italia Mista contro la quale avevano vinto largamente lo scontro diretto 24-6.

 Coldea l’abbiamo già incontrata e descritta nel match contro Zimmermann, match perso pesantemente dai rumeni (25-3) ma, grazie alla loro solidità di squadra quello è stato l’unico incidente di percorso e hanno chiuso al 2° posto proprio dietro i Fantunes a 3 VP di distanza.

L’incontro vinto contro la forte squadra americana Moss è stato praticamente deciso dal primo segmento dove Coldea ha chiuso a +65. 184-108 il risultato finale, testimone comunque di un incontro ricco di swing (292 imps spostati, record del tabellone). Inoltre alle olimpiadi di Pechino questa squadra ha raggiunto i quarti di finali dove perse poi contro l’Inghilterra.

Team Pharmaservice , una delle poche squadre sponsorizzate da Aziende e non da privati, ha eliminato nel suo ko la squadra Hampton tutto sommato agevolmente, e con un turno finale da +18 ha chiuso alla fine a +30 115-85.

In assoluto la squadra che ha segnato più Victory Points è stata Nickell con 208 contro Hughes, mentre la squadra che ne ha subiti di meno è stata proprio Zimmermann con 38 vs Gwadteam.

 ***

Seguiamo in questo segmento Alfredo e Lorenzo in sala aperta che se la vedranno con Hansen-Bilde. Completano la squadra Jimmy Cayne che gioca col suo compagno abituale Seamon, contro l’altro Bilde e Graversen. Sarà contento Lauria di sapere che nel suo profilo in vugraph su BBO hanno messo come nome: Bocchi… La squadra Danese ha finito seconda nel suo girone, a solo 1 VP da Strul.

Prima mano pari, poi un 3NT difficile dove c’è da indovinare la linea di gioco non viene portato a casa da Seamon (1NT + 2 i danesi contro Alf-Lor). Primo swing subito dopo, i danesi in chiusa trovano una buona e lucrosa difesa a 5♣ in prima contro zona (3 down, pure lisce, -150) su un bel 4♠. Alf-Lor aprono 1♣ che può avere solo 2 carte, e per loro la difesa non è trovabile. 0-15 dopo 3 mani, brrrrr.

Molto interessante il board 6. Le carte:

  


 

6   87652    
East   KT3    
E-W   82    
    972    
    AKQJ3
AQJ94     75
JT93     AKQ654
AJT6    
    T94    
    862    
    7    
    KQ8543    

La dichiarazione va per i Danesi: 2fiori – 3fiori di Sud (Alfredo) – DBL di Est – 4fiori di Lorenzo in Nord – 5fiori Ovest – passo – 7cuori – passo – 7picche. Come si vede dallo schema, 7picche non hanno chance stante la divisione non 4-4 delle atout. In realtà se Ovest corregge a 7NT e Alfredo non attacca cuori, 13 prese si possono fare con squeeze picche/cuori su nord.

In chiusa 2fiori – 3fiori con la tricolore, – 3quadri – 4quadri – 7quadri.

Purtroppo ai nostri poco dopo chiamano un bel 6 che non chiamano in chiusa e l’incontro finisce per ora 31-25 per gli opps. Promette d’essere interessante anche questo match… fin troppo direi.

 Negli altri incontri Zimmermann sotto di 6 e Lavazza sotto di 23. L’incontro dei torinesi era difficile e si sapeva. L’incontro dei Fantunes sulla carta era più semplice, ma a questi livelli di semplice non c’è proprio niente.

Gluck

(Visited 97 times, 1 visits today)
Previous Entries Filadelfia - mixed pairs: Interview to Debora Campagnano Next Entries Filadelfia – Rosenblum Cup: II KO seconda sessione