Filadelfia 2010 – Open pairs: Fantunes al comando

 13th World Bridge Series – Open Pairs: final. Si sono giocati ieri i primi due dei cinque turni della finale  Coppie Open. A tre turni dalla fine Fulvio Fantoni e Claudio Nunes guidano la classifica con il 58.28%.

 Oggi venerdì 15 ottobre si giocheranno il terzo e quarto turno, l’ultimo incontro è invece fissato per sabato 16. I Fantunes sono l’unica coppia italiana presente in questa specialità.

Questi i primi 10 piazzamenti in classifica dopo il secondo turno:

 

Rank
Pairs
Nationality
%
 FANTONI Fulvio  NUNES Claudio ITA – ITA 58.28
 LEVIN Bobby  WEINSTEIN Steve USA – USA 56.86
 GARNER Steve  WEINSTEIN Howard USA – USA 55.64
 GRECO Eric  HAMPSON Geoff USA – USA 55.26
 COPE Tim  HOLMAN Glen RSA – RSA 54.77
 FLEISHER Martin  KAMIL Mike USA – USA 54.63
 BOMPIS Marc  QUANTIN Jean-Christophe FRA – FRA 54.59
 MIHOV Vladimir  STAMATOV Jerry BUL – BUL 54.35
 SERPOI Gheorghe  STIRBU Calin ROM – ROM 54.15
10   KHOKHLOV Jouri  MATUSHKO Georgi RUS – RUS 54.00

 

***

(Visited 152 times, 1 visits today)
Previous Entries Rosenblum Cup – Gran Finale: Diamanti in vetrina (di Gluck) Next Entries BBO InterCity League: First round (by Tonci Radelja)

2 thoughts on “Filadelfia 2010 – Open pairs: Fantunes al comando

  1. hpm404 on said:

    Stavo interrogandomi sul futuro di questo gioco. Che cosa e’ diventata,una selezione monetaria? A quella che dovrebbe essere la massima manifestazione a coppie partecipano solo due italiani? Che significato sportivo ha una roba del genere?
    Ho seguito dal vivo il misto a squadre: un mare di sponsor, licite e giocate da museo degli orrori, in un bel danesone con 10 smazzate a round…. E che cos’e’,un campionato del mondo o il torneo di Roccacannuccia???
    Forse il futuro, finche’ la few entry sara’ a botte di 500 euro, sta davvero nel bridge online…..

  2. Turbin on said:

    Caro Fabio, il costo d’iscrizione è enorme, ma c’è poco da scandalizzarsi, dipende dalla domanda; diminuirà quando la gente smetterà di pagare. Naturalmente se c’è un mare di sponsor sarà difficile che questo avvenga, ma non riesco a dolermi di questa marea; temo anzi che gli sponsor non fossero così tanti.
    Il misto a squadre forse non era molto ben frequentato, ma che mi dici dell’open? Hamman, Lauria, Bocchi, Fantoni, Nunes, Versace, Rodwell, Meckstroth, Duboin, Sementa, Mahmood, Helgemo, Helness, e mi fermo per non farla tanto lunga…ah, dimenticavo di specificare: questi sono tra coloro che NON hanno vinto: ce n’erano altri sei più forti.
    Fabio, sai cosa mi scandalizza? Il fatto che la vittoria nel campionato italiano non è parsa sufficiente, alla nostra Federazione, per qualificare chi dovesse rappresentarci a Filadelfia: si sono inventati una “selezione” costosa e priva di ogni ragione tecnica.

Comments are closed.