Crea sito

Tag Archive | "Sbarigia"

Memorizing at Bridge (7): “Practice and Talent”

Tags: , , , ,


Leggi in italiano »

Paolo Enrico Garrisi 03Two weeks ago I started a class of bridge at Ascoli Piceno’s Circolo Cittadino (City Club); my three pupils, Cinzia, Giampaolo and Valentina didn’t know anything of the game, it was their very first time at the table. I dealt a deck, turning up the last card, and I started to explain the Whist. I pointed out that it needed to carefully watch and remember any card. Later, at home, I received an email from Giampaolo; he wrote about card memorizing and asked me:
…Are there techniques to develop some specific memory?… Could be possible to make a choice of what might be more useful to memorize?
In my opinion, Giampaolo’s asking dealt with a main key of bridge thinking, and it deserved many responses, not one only; therefore I forwarded it to others. Today the responses from Norberto Bocchi, Michael Becker, Michael Rosenberg, John Swanson and Silvio Sbarigia.

 

 

Norberto BocchiNorberto Bocchi  I think the memory only develops with practice and the Godsend, I honestly the cards I remember all them without any effort, that is I store them in the mind in automatic way.

 

Michael BeckerMichael Becker (ACBL) – To be honest I don’t remember how I remember! Remembering the cards came to me after playing hundreds, then thousands of hands. I started playing bridge when I was 13 years old. Two years later, while I was playing a hand I could remember all the cards played. And I could remember all the hands from a 26 board session for at least a day. Now I am 70 years old. I occasionally miss a spot card played. I cannot remember all the hands from a session without a little help. Hand records are great!

 

M Rosenberg (Peggy Kaplan)Michael Rosenberg  I happen to have an excellent memory, but don’t use any techniques. I understand that there are memory competitions, and these people use ‘memory palaces.’ But I don’t think I can personally help you much – I am just lucky that I have this talent.

 

John SwansonJohn Swanson – I am a bridge expert but not a memory expert; I have no good understanding of how memory works. About 60 years ago I went to a lecture on how one develops a method for remembering, but I don’t remember much about it. I would guess that you will get a much better answer if you pose your questions to a memory expert.

 

Silvio Sbarigia Silvio Sbarigia  In my opinion memorizing is a skill that is part of the card-player’s talent, that is automatically watching the cards and immediately setting the vision of them into the memory. I have always had such a skill. But if a student would learn to count opponents’ hand, he should start at once a method of picturing to himself the hidden cards, and, therefore, he would also improve the mnemonic part of inserting the plugs, i.e. the cards themselves, and with a lot of patience also improving the ability to remember the cards already played. But this isn’t worth for all. If he want to become at least good player he have to toil in order to train that part of memory which he is not even aware of having. Besides, it is better to learn basic techniques and percentages, and not to go too much soon at the table, which is backfiring because the student might think that the game were too much difficult and being dismayed. And it also must be held that bridge is paining and studying. Because the bridge isn’t a joke. It is a whole of logic, psychology, character, politeness, and more.

***

Memorizing at Bridge – by Paolo Enrico Garrisi

Part 7: “Practice and Talent”

Memorizzare a Bridge (7): “Pratica e Talento”

Tags: , , , ,


English version »

Paolo Enrico Garrisi 03Due settimane fa ho iniziato un corso di bridge nel Circolo Cittadino di Ascoli Piceno. I miei tre allievi, Cinzia, Giampaolo e Valentina non sapevano nulla del gioco, era veramente la loro prima volta al tavolo. Ho distribuito le carte, scoprendo l’ultima, e ho iniziato a spiegare il Whist, rimarcando la necessità di osservare attentamente e ricordare ogni carta. Più tardi, a casa, ho ricevuto un’email da uno di loro, Giampaolo; scriveva a proposito del ricordarsi le carte e mi chiedeva:
…Ci sono tecniche per sviluppare la memoria specifica?… Si può fare una selezione finalizzata a ricordare solo quello che è maggiormente utile?
A mio giudizio la domanda di Giampaolo verteva su una delle chiavi principali del pensare a bridge, e meritava molte risposte, non una sola; perciò l’ho inoltrata ad altri. Ecco le risposte di Norberto Bocchi, Michael Becker, Michael Rosenberg, John Swanson e Silvio Sbarigia.

 

Norberto BocchiNorberto Bocchi Credo che la memoria si sviluppa solo con la pratica e il dono di Dio, io onestamente le carte le ricordo tutte senza nessun sforzo cioè le immagazzino nella mente in modo automatico.

 

Michael BeckerMichael Becker (ACBL) – Per essere onesti non ricordo come ho imparato a ricordare! Ricordare le carte mi è venuto dopo aver giocato centinaia, poi migliaia di mani. Ho cominciato a giocare a bridge quando avevo 13 anni. Due anni dopo, mentre giocavo una mano potevo ricordare tutte le carte giocate. E potevo ricordare tutte le mani di una sessione di 26 boards per almeno un giorno. Adesso ho 70 anni. Talvolta dimentico una cartina uscita. Non riesco a ricordare tutte le mani di una sessione senza un piccolo aiuto. Le registrazioni delle mani sono una gran cosa!

 

M Rosenberg (Peggy Kaplan)Michael Rosenberg – Ho una memoria eccellente, ma non uso alcuna tecnica. So che ci sono gare di memoria, e che queste persone usano “palazzi della memoria”, ma non penso di poterti aiutare molto. Sono solo fortunato ad avere questo talento.

 

John SwansonJohn Swanson – Sono un esperto di bridge, ma non di memoria; non ho idea di come lavori la memoria. Circa 60 anni fa mi andai a leggere qualcosa su come sviluppare un metodo per ricordare, ma non ricordo molto di quello che c’era scritto. Direi che potresti ottenere una risposta decisamente migliore se poni la domanda ad un esperto di memoria.

 

Silvio Sbarigia Silvio Sbarigia – Secondo me memorizzare è una dote che fa parte del talento di un cartaro, cioè la meccanizzazione della visione delle carte e l’immediata collocazione nella memoria. È una dote che ho sempre avuto. Ma se uno studente imparasse a contare la mano degli avversari, subito comincerebbe a sviluppare un metodo di ricostruzione. Inserendo nella ricostruzione anche le carte svilupperebbe anche di più la parte mnemonica inerente i tasselli, cioè le carte stesse, e con molta pazienza aumenterebbe la capacita di ricordare le carte uscite. Ma non è eguale per tutti. Se uno vuole diventare un giocatore di bridge decente deve faticare ad esercitare quella parte di memoria che neanche sa di avere. Inoltre la cosa migliore è imparare la tecnica di base alla perfezione e conoscere le percentuali, e non andare troppo presto al tavolo, che è controproducente perché lo studente potrebbe pensare che sia un gioco troppo difficile e si deprime. E deve essere tenuto a mente che il bridge è sofferenza, se uno vuole emergere. E studio. Perché il bridge non è un gioco; è un insieme di logica, psicologia, carattere, educazione, e altro.

***

Memorizzare a Bridge – Una rubrica di Paolo Enrico Garrisi

Parte VII: “Pratica e Talento ”

 

2014 Italian Open Trials: Silvio Sbarigia’s view

Tags:


Leggi in italiano »

Silvio Sbarigia I am very upset, as, I believe, the majority of Italian bridge players. I cannot find words to describe this type of trials, which were never run in Italy, apart from rare cases. Pairs trials were run to select the third pair for the Olympiad in Montecarlo (1976). Salvetti was the head coach, Garozzo-Franco and Belladonna-Forquet were already in the team and the trials only picked the third pair: Mosca-Sbarigia. I then recall the sad story in Stockholm 1970, when the Open team picked by trials came last. (1)

Otherwise, our past head coaches, for instance Perroux, Salvetti, Mosca and Lavazza never even dreamed of running trials. Running trials when you already have one of the strongest teams in the world not only is offensive to the players, but also chance may allow a weaker team to represent Italy in Europe and in the world.

At the moment we have an undoubtedly very strong team, and trials are unimaginable. Bocchi-Madal, Lauria-Versace and Duboin-Sementa have won the last Bermuda Bowl. Duboin-Sementa are not playing together any more: is this the problem? Let us then run trials to pick the third pair, like in 1976, in order to keep a quartet of world class players that the whole world admires.

Teams trials are necessary where there are less than four world class players (as it happens in many European countries), or where there are many of them (as it happens in the US), and who wins is as strong as who loses. The Italian situation is different: there is a big gap between world class professionals and others.

I read the list of teams who signed up for now: team Angelini is at international level, team Zaleski is certainly strong; there are four or five teams with known semi-professional players and their sponsors; lastly, there are about fifteen teams who field competent average players, who want to take part and have fun, although they know they do not stand a chance. I have real sympathy for them and their sportsmanship.

However these trials should pick the team who will represent Italy in Europe and will have the chance to qualify to the next World Championships.

The Italian Federation chose to run trials. But the Italian open team does not belong to the Federation, it belongs to all members. The Federation has a duty to field the best team. There is no flipping this: you cannot have the strongest team if you are missing one of the strongest pairs: Bocchi-Madala.

The Italian Federation did not manage to find an agreement between the two major sponsors Lavazza and Angelini, but I believe that in the end an agreement could be reached. If Angelini wins the trials, he should hire Bocchi-Madala and guarantee that Italians will be represented by the best team. He would have to make agreements with the players and their sponsors, but this is his problem. I, like all fans, want the best players to play. Regardless of my friendship with Alfredo and Lorenzo, I will support team Angelini, because Angelini is the only one with the financial power to hire Bocchi-Madala, thus making Italians really happy.

The most logical thing for the Federation would have been to keep together Lauria-Versace and Bocchi-Madala, which I  think are two best pairs in the world, and run trials to pick the third pair. At this point even Angelini, who never hid his desire to play in the open team, would have had good chances to win playing with Antonio Sementa.

If we read again Medugno’s electoral program, it is clear that trials are run for two reasons: the first is financial (there is no money, baby!) and the second one is to create a chance for young players to come to the fore.

The problem with the so called “young” players is that they are not professional players yet, and it would be really difficult for them to compete against professionals at international level. The same could be said for those whom I label “semi-professional” players: they are very good players but bridge is not their only activity, which is what happens with real professionals. A professional is he who only plays bridge and studies, researches and practices full time. High level bridge is a demanding activity which requires daily study and effort. Semi-professional players are paid to play in the competition for which they are hired, but they do not have annual contracts like professionals, who can dedicate themselves exclusively and continuously to bridge.

With respect to financial issues, I think they should have found an agreement with the sponsors in order to promote the open team, and in any case they should have not subsidised the team who went to play in Sanya and save the money for the open team. Sponsors can sign up to Sanya, with any team: on the other hand the European Championships are a national competition and they are the qualifying round for the Bermuda Bowl, the highest level team competition.

Even more. Is money the issue? OK. Let’s run team trials, paid by the sponsors, between the strongest teams, Angelini and Lavazza, where the best player undoubtedly are, and who wins picks the third pair. The sponsors would take care of the expenses and Italians would be guaranteed to have the best team.

This year I celebrate 50 years of membership to the Italian Federation: I have seen all sorts of things, but this year’s trials is the most illogical, bizarre and damaging choice I have ever seen! If the team selected does not win a medal in the European Championships, then the Federal Committee will have a moral duty to resign. And I do not even want to think that we are jeopardising the qualification to the next World Championships!

In addition to looking silly in Europe and missing the qualification to the Bermuda Bowl 2015, there is another serious danger. I am thinking about the possibility that Bocchi-Madala will start playing for a different country. It is not a secret that they are courted and since they both have an Argentinian passport, they could play there. Moreover, it is possible that some rich foreign sponsor may want to imitate Zimmermann and may hire our world class players for any national team.

I would like to close with three positive thoughts. The “Club Rosa” (4)  is a great initiative, i.e. pairs trials for the Women team. I do not understand why Dano De Falco has been replaced as head coach. Dano is notoriously very skilled in this role, so his replacement is a mystery to me. Emanuela Capriata is doing an excellent job with our girls. And lastly, I would like to thank Maria Teresa Lavazza who has done a lot for our bridge and coached our team, achieving goals that will remain in history.

***

Silvio Sbarigia

(English edition by Laura Cecilia Porro)

Notes

1) Read a history of Italian Open trials by Paolo Enrico Garrisi: click here >>

2) Italian Open Trials: Teams Roster >>

3) Medugno’s statement: click here >>

4) Italian Women Trials: click here >>

Italian Open Trials 2014: L’opinione di Silvio Sbarigia

Tags:


English version »

Silvio Sbarigia Sono inferocito e con me, penso, la maggior parte dei bridgisti italiani. Non trovo parole per definire questo tipo di selezioni che in Italia, per quel che ricordo, non sono mai stai fatte se non in rarissime circostanze. Una selezione, a coppie e non a squadre, avvenne in occasione delle Olimpiadi di Montecarlo del 1976 quando la nazionale era sotto direzione del commissario Salvetti. C’erano già Garozzo – Franco e Belladonna-Forquet:  le selezioni decisero soltanto la terza coppia Mosca-Sbarigia. Ricordo poi la triste vicenda di Stoccolma 1970 quando la nostra nazionale uscita dalle selezioni si qualificò ultima. (1)

Per il resto i nostri commissari tecnici del passato, da Perroux a Salvetti, Mosca fino alla signora Lavazza, nessuno di loro si è mai sognato di avviare questo tipo di selezioni. Avendo già una squadra tra le più forti del mondo, infatti, fare le selezioni sarebbe stata innanzi tutto un’offesa ai giocatori ed in secondo luogo c’era il rischio che per una bizzarra casualità potesse qualificarsi una squadra non adeguata a difendere i colori azzurri in Europa e nel mondo.

Nel caso in cui, come oggi, si abbia una squadra indiscutibilmente fortissima, le selezioni sono impensabili. Bocchi-Madala, Lauria-Versace e Duboin-Sementa hanno vinto l’ultima Bermuda Bowl. La coppia Duboin-Sementa si è sciolta: è questo il problema? Facciano allora le selezioni per la terza coppia come nel 1976, mantenendo inalterato un quartetto di fuoriclasse che il mondo ci invidia.

Le selezioni a squadre sono obbligatorie in una realtà ove non vi siano almeno 4 giocatori di livello chiaramente superiore agli altri (come avviene in molti stati europei), o quando al contrario se ne hanno moltissimi (come avviene in Usa), e la forza di chi vince è pari quella di chi resta fuori.

La realtà italiana è diversa: tra i professionisti di livello mondiale e gli altri c’è un divario evidente.

Ho visto la lista delle squadre iscritte finora (2): una, la squadra Angelini, è di livello internazionale; la squadra di Zaleski è certamente una formazione solida; ci sono quattro o cinque squadre in cui figurano noti giocatori “semi-professionisti” di ottimo livello ingaggiati dagli sponsor; ed, infine, ci sono una quindicina di squadre con giocatori decubertiani, iscritti con la sana voglia di partecipare e divertirsi, e consapevoli di non avere chance per l’obiettivo finale. A loro va tutta la mia simpatia per lo spirito di gioco.

Però da queste selezioni deve uscire fuori la nazionale che ci rappresenterà in Europa e si giocherà la qualificazione ai prossimi mondiali.

La Federazione Italiana ha voluto queste selezioni. Ma la nazionale italiana non è della Federazione, è di tutti i bridgisti italiani, è degli iscritti. E la Federazione ha il dovere di schierare la rappresentativa migliore. Come la si rigiri, la migliore non sarà se manca una delle coppie più forti del mondo: Bocchi-Madala.

La Federazione italiana non è riuscita a trovare un accordo tra i due grandi sponsor Lavazza e Angelini, ma penso che in extremis si possa ancora rimediare. Se vincesse la squadra Angelini, che annovera ben tre campioni del mondo, dovrebbe chiamare Bocchi-Madala in squadra e garantire agli italiani di essere rappresentati dalla squadra migliore. Che per far questo Angelini debba accordarsi con i giocatori ed il loro sponsor principale è affar suo; a me, come a tutti i tifosi, preme che scendano in campo i migliori. Aldilà dell’amicizia che mi lega a Alfredo e Lorenzo, tiferò per la squadra Angelini perchè, vincendo, Angelini è l’unico che avrebbe la forza economica di ingaggiare anche Bocchi-Madala, regalando agli italiani una grande gioia.

La cosa più logica che la Federazione avrebbe dovuto fare era di mantenere il quartetto base Lauria-Versace e Bocchi-Madala, che io reputo le due coppie più forti del mondo, e indire le selezioni per decidere la terza coppia. A quel punto anche Angelini, che non ha mai nascosto il suo desiderio di giocare in nazionale, avrebbe avuto forti chance di vittoria giocando in coppia con Antonio Sementa.

Se rileggiamo il programma elettorale di Medugno (3), è chiaramente detto che le selezioni si fanno per due motivi: uno economico (bambole, non c’è una lira!) ed uno sportivo, ovvero di creare l’occasione perché giocatori giovani o non ancora noti possano emergere.

Sul fatto dei cosiddetti “giovani” il problema è che non si tratta ancora di giocatori professionisti, e contro squadre internazionali di professionisti è ben difficile che possano competere. Lo stesso vale per quelli che io chiamo “semi-professionisti”: ottimi giocatori ma che non trovano nel bridge la loro unica professione, come accade per i giocatori professionisti propriamente detti. Professionista è quello che pratica il bridge come attività esclusiva e s’impegna a tempo pieno nello studio, nell’aggiornamento e nell’allenamento. Per inciso, il bridge ad alti livelli è un’attività impegnativa che richiede studio e lavoro quotidiano. Il giocatore “semi-professionista” viene pagato per la manifestazione in cui partecipa ma non ha contratti annuali come i professionisti, che si dedicano esclusivamente e continuativamente al bridge.

Per quello che riguarda la mancanza di fondi penso che bisognava trovare un accordo con gli sponsor per favorire la nazionale, e comunque si poteva evitare di sovvenzionare la spedizione per i transnazionali di Sanya, e dedicare i fondi disponibili a salvaguardare la nazionale. A Sanya gli sponsor sono liberi di iscrivere la squadra che vogliono; i campionati Europei, invece, sono una competizione nazionale, e soprattutto qualificano per la Bermuda Bowl, la massima competizione a squadre nazionali.

Dirò di più. Il problema sono i soldi? E sia. Si faccia una selezione a squadre, a carico degli sponsor, tra le squadre più forti, Angelini e Lavazza, nelle quali sono affiliati i giocatori indiscutibilmente più forti, e chi vince decide la terza coppia da aggregare. Si sarebbero accollate le spese agli sponsor e si altresì garantita la miglior rappresentativa agli italiani.

Compio quest’anno 50 anni di iscrizione alla Federazione italiana: ne ho viste di tutti i colori, ma una come le selezioni di quest’anno davvero è la più illogica, la più bizzarra e autolesionista che abbia mai visto! Se ne verrà fuori una rappresentativa non competitiva, ovvero se l’Italia non salirà sul podio europeo, questa Federazione avrà l’obbligo morale di dimettersi. E non voglio nemmeno pensare che stiamo rischiando la qualificazione ai prossimi mondiali!

Oltre alla figuraccia in Europa ed al rischio della mancata qualificazione per la Bermuda 2015, c’è un altro serio pericolo nell’aria. Mi riferisco all’ipotesi che Bocchi e Madala decidano di andare a giocare per altre nazioni. Non è un segreto che siano molto corteggiati e che, avendo entrambi passaporto argentino, potrebbero decidere di andare a giocare là. Inoltre, non è detto che qualche facoltoso magnate straniero non voglia emulare il “progetto Zimmermann” e decida di ingaggiare i nostri fuoriclasse per una qualsiasi nazionale europea o americana che sia.

Voglio chiudere il mio intervento con tre note positive. Plaudo all’iniziativa del Club Rosa, ovvero alla selezioni a coppie per la nazionale Women. L’unica cosa che mi lascia perplesso è la sostituzione di Dano De Falco a commissario tecnico. Dano possiede acclarate capacità ed adeguata professionalità in quel ruolo, pertanto la sua sostituzione resta per me inspiegabile. Plaudo ancora all’eccellente lavoro svolto nel settore Girls da Emanuela Capriata. Ed, infine, plaudo a quanto fatto per il nostro bridge da Maria Teresa Lavazza che ha saputo dirigere per tanti anni la nostra nazionale open guidandola a successi che hanno scritto la Storia.

 ***

Silvio Sbarigia

Note

1) Per una ricostruzione della storia delle selezioni in Italia si veda contributo di Paolo Enrico Garrisi: clicca qui >>

2) Elenco squadre iscritte: clicca qui >>

3) Per il programma elettorale di Medugno: clicca qui >>

4) Selezioni Women: clicca qui >>

Bali 2013: Silvio Sbarigia’s view

Tags: ,


Leggi in italiano »

Silvio Sbarigia Congratulations to the Italian open team who conquered again the prestigious Bermuda Bowl. I have been very impressed by Bocchi-Madala, in virtue of their solidity and bidding technique. What is the secret behind this victory? The strength of the Italian pairs does not lie mostly in declarer’s play, but rather in the bidding systems, especially when overcalling. Declarer’s play does not make a crucial difference, at world class level: international champions are used to play very complicated hands. The more hands are played, the more likely it is that opponents will make a mistake. For this reason, Italian’s bidding superiority gives them an advantage in the long run.

I am disappointed that the Italian women and senior teams did not qualify to these World Championships. I believe at the moment in Italy there are only few who can play at international level in the senior category. For what concerns women, I would like to repeat what I always thought: Italian women are not all professional players, so they need a coach who not only helps them with the system, but also psychologically and physically. They need a strong technical guide.

 

 

 Guessing the last trick since the first

Match Italia-Monaco, final. Round 5, Board 5.

 

mano silvio 01

mano silvio 02

The opening of North is unbalanced with the suit fifth or longer, and fourteen or more points. Nunes led K, holding the lead.

Lauria can count nine tricks: one spade, five trumps plus two by diamond ruff, and the club ace. The tenth only can come from spade, but it also needs to keep the club stopper until the spade were established. Nunes at once understood the problem and switched to ♣J, but Lorenzo now had the complete picture of the hidden cards which he needed to know, and ducked; that is the coup. Still club from Nunes, Lorenzo this time puts the ace, ruffed diamond, heart to come in hand and another diamond ruff, eliminating the suit. Another heart, and now club, simply: Fantoni has to take and is endplayed. He returned ♠6, as club or diamond would allowed to save the spade loser by ruff and sluff, and Lorenzo put the queen. How could he be so sure about the position of the king? Because Nunes had showed four honour points, thus Fantoni must have the ♠K, otherwise he was short of the opening strength.

***

Silvio Sbarigia

 

[The system Fantoni-Nunes have been published by the Australian Bill Jacobs. Here’s the review of the book: open >]

Bali 2013: L’opinione di Silvio Sbarigia

Tags:


English version »

Silvio Sbarigia Complimenti a tutta la squadra italiana open che torna alla conquista della prestigiosa Bermuda Bowl. Mi ha molto impressionato la coppia Bocchi-Madala per solidità e tecnica licitativa. Il segreto di questa vittoria? La forza delle coppie italiane, più che nel gioco, risiede nel sistema di licita, soprattutto in attacco ed in interferenza. A questi livelli, infatti, possiamo dire che il gioco con il morto non è discriminante: parliamo di campioni internazionali abituati a fronteggiare abilmente anche mani molto complicate. Più sono sono le mani giocate e maggiore è la possibilità di errore degli avversari: questa superiorità licitativa dei nostri, pertanto, sulla lunga distanza dà maggiore profitti.

Quello che proprio mi dispiace è che le squadre femminile e senior non si siano qualificate per questi mondiali. Per quello che riguarda i senior sono convinto che ci siano oggi in Italia pochi giocatori di livello internazionale in questa categoria. Per quello che riguarda le donne, ripeto ciò che ho sempre sostenuto: non essendo tutte giocatrici professioniste hanno bisogno di una guida tecnica che, oltre ad assisterle negli sviluppi del sistema, deve sostenerle soprattutto sul piano psicologico e agonistico: è necessaria per loro una conduzione tecnica di peso.

 

Desumere l’ultima presa dalla prima

Incontro Italia-Monaco, finale. Quinto turno, mano n° 5.

mano silvio 01

 

mano silvio 02

L’apertura di Nord è sbilanciata col colore quinto o più lungo, e quattordici o più punti. Nunes ha attaccato col K, rimanendo in presa.

Lauria può contare nove prese: una picche, cinque atout e due di taglio, e l’asso di fiori. La decima può venire solo dalle picche, ma occorre mantenere il controllo a fiori fin quando le picche non siano state risolte. Nunes capisce immediatamente il problema e devia a fiori col J, ma adesso Lorenzo ha la completa lettura delle carte di cui aveva bisogno di sapere, e liscia; questo è il colpo.

Ancora fiori da Nunes, Lorenzo questa volta mette l’asso, taglia a quadri, cuori per il rientro in mano, un altro taglio a quadri, eliminando il colore. Ancora una battuta a cuori e adesso fiori, semplicemente. Fantoni è messo in presa suo malgrado, e deve ritornare col ♠6, giacché fiori o quadri permetterebbero l’eliminazione della perdente a picche in taglio e scarto, e Lorenzo tranquillo mette la donna. Come poteva essere sicuro della posizione del re? Perché Nunes aveva mostrato quattro punti onori, perciò Fantoni doveva avere il re di picche, altrimenti non avrebbe avuto a sufficienza per aprire.

***

Silvio Sbarigia

[Il sistema di Fantunes – Nunes  è stato pubblicato dall’australiano Bill Jacobs. Questa è la nostra recensione del libro: clicca qui > ]

 

Norberto Bocchi’s interviews (4): Silvio Sbarigia

Tags: ,


leer en español »     leggi in italiano »

Bocchi-Sbarigia-390x253

Taking advantage of the 4th International Open Bridge of Barcelona,  an international player, the WGM Norberto Bocchi interviews the best bridge players participating in the event for CSBNews. Now online his interview to Silvio Sbarigia. Silvio and Norberto both are member of Neapolitan Club. Read the full story

Le interviste di Norberto Bocchi (4): Silvio Sbarigia

Tags: ,


english version »

Bocchi-Sbarigia-390x253

In occasione del IV Torneo Open Internazionale di Barcellona, che prende il via proprio oggi,   Norberto Bocchi sta realizzando per CSBNews una serie di brevi interviste con alcuni dei più forti giocatori in gara. Oggi è il turno del nostro Silvio Sbarigia, che come Norberto è membro dello staff di Neapolitan Club. Read the full story

4th International Barcelona Bridge Open

Tags: ,


leggi in italiano »

Barcellona 2013The 4th International Barcelona Bridge Open will take place from the 1st to 3rd of February 2013 at the Catalonia Barcelona Plaza Hotel in Barcelona (Spain). The event is organized by the Asociación Catalana de Bridge (ACB). It is a  pairs tournament open to players from all the world, as long as members of a national federation of bridge recognized by the WBF. The format consists of three sessions of 26/28 hands with match points score (mitchell). Read the full story

IV Torneo Internazionale di Barcellona

Tags: ,


english version »

Barcellona 2013Il IV Torneo Internazionale di Bridge di Barcellona si svolgerà dall’ 1 al 3 febbraio 2013 presso l’Hotel Catalonia Barcelona Plaza a Barcellona (Spagna). L’evento è organizzato dall’ Associazione di Bridge Catalana (Asociación Catalana de Bridge -ACB). Si tratta di un torneo a coppie aperto a giocatori di tutto il mondo, purchè membri di una federazione di bridge nazionale riconosciuta dalla WBF.  La formula prevede tre sessioni di 26/28 mani con punteggio in match points (mitchell). Read the full story

Silvio Sbarigia’s quiz 25th – When the prey becomes hunter

Tags:


 leggi in italiano »

Silvio Sbarigia Silvio Sbarigia is a pharmacist; he was born in Rome and lives there. He has won the European championship in 1975, runner up at 1974’s and at Olympic games of 1976. His bridge problems aren’t difficult; just we need to think on a plan and to avoid the instinctive playing. This quiz is titled: ” When the prey becomes hunter”. This hand has been actually played, but the cultured reader will recognize in it one of the safety playing described by Terence Reese and Roger Trezel in their book “Safety Plays in Bridge” (1976 Ward Lock, 1990 Gollancz, London). Read the full story

I quesiti di Silvio Sbarigia (n.25) – Quando la preda diventa cacciatore

Tags:


english version »

Silvio Sbarigia Silvio Sbarigia è romano, farmacista. E’ stato campione d’Europa nel 1975 con il mitico Blue Team; secondo nel 1974 e secondo alle Olimpiadi del 1976. Ci propone dei quesiti che inducono alla riflessione. Il quesito di oggi si intitola: “Quando la preda diventa cacciatore”.  Questa mano è stata veramente giocata, ma il lettore colto riconoscerà in essa uno dei giochi di sicurezza descritti da Roger Trezel nel primo volume dei suoi “Quaderni del Bridge” (1970 Mursia). Read the full story

Silvio Sbarigia’s quiz 24th: The Key Card

Tags:


leggi in italiano »

Silvio Sbarigia is a pharmacist; he was born in Rome and lives there. He has won the European championship in 1975, runner up at 1974’s and at Olympic games of 1976. His bridge problems aren’t difficult; just we need to think on a plan and to avoid the instinctive playing. This quiz is titled  “The Key Card”. Key Card is called the card that, seemingly featureless, is in contrast the cornerstone of an entire playing plan. Such card is almost never an active one – it rarely has chances to win a trick – and is worth only for the place it lays, not necessarily in our side. Read the full story

I quesiti di Silvio Sbarigia (n.24) – La Carta Chiave

Tags:


english version »

Silvio Sbarigia è romano, farmacista. E’ stato campione d’Europa nel 1975 con il mitico Blue Team; secondo nel 1974 e secondo alle Olimpiadi del 1976. Ci propone dei quesiti che inducono alla riflessione. Il quesito di oggi si intitola “La Carta Chiave”. Carta Chiave è quella carta che, apparentemente insignificante, costituisce al contrario la pietra angolare di un intero piano di gioco. Non è quasi mai carta attiva: solo raramente ha la capacità di vincere una presa, e spesso vale solo per la posizione in cui si trova, non necessariamente nella nostra linea. Read the full story

Silvio Sbarigia: Più rispetto per i Seniores

Tags:


english version »

Vorrei richiamare l’attenzione sulla poca considerazione con cui a mio avviso viene trattata la categoria Seniores in Italia. E parto da un esempio concreto. L’ultima importante manifestazione dedicata a questa categoria è stato il “Festival over 60” disputato presso il Palazzo del Turismo di Riccione dal 14 al 22 luglio 2012. Come è noto,  tutti i medici consigliano agli over 60 di non uscire in estate nelle ore più calde del pomeriggio (dalle 13 alle 17) per ovvi motivi di salute. Invece a Riccione le gare si sono giocate nella seconda metà di luglio e a partire dalle ore 14. Incidentalmente  quest’anno l’impianto di aria condizionata della struttura che ospitava i giocatori era rotto –e mai riparato-  cosicché  la manifestazione si è svolta in condizioni proibitive per gli over 60. Read the full story

Silvio Sbarigia: We should show more respect for the Seniors

Tags:


leggi in italiano »

I would like to stress that Seniors are not respected enough in Italy. I start with a practical example. The most recent event dedicated to the seniors is “Festival over 60”, held in Palazzo del Turismo (Tourism Hall) in Riccione* from 14th to 22nd of July 2012. As known, all doctors recommend the elderly not to go outside during the warmest time of the day (1 pm to 5 pm) for obvious health reasons. However in Riccione matches took place starting at 2pm. As it happens, the air-conditioning in the playing room was broken -and never repaired- thus players were in prohibitive conditions given their age. Read the full story

Campionati Europei 2012 – L’opinione di Silvio Sbarigia

Tags:


english version »

 Open. Siamo abituati male, abbiamo vinto l’europeo per otto volte consecutive e ora viviamo il terzo posto come una sconfitta. La realtà è molto semplice: non sempre si può vincere. Quest’anno l’Italia non ha giocato il suo bridge migliore, mentre la nuova formazione di Monaco ha giocato al suo massimo e ha vinto meritatamente, totalizzando una media notevolissima. Ma il valore assoluto del team azzurro non si discute: prova ne è che nello scontro diretto l’Italia ha battuto Monaco con largo margine. Read the full story

2012 European Championships – The Silvio Sbarigia’s opinion

Tags:


leggi in italiano »

Open. We are ill-accustomed: we have been winning the European Championship for eight times in a row and we now take the third place as a upset. The matter is more simple: not always it is possible to win. Italy didn’t play her best bridge, whereas the new Monaco Team played at the top and won deservedly, scoring an excellent average. But the Italian Team’s quality is out of discussion, as evidenced by the fact that in the direct match Italy largely beat Monaco. Read the full story

I quesiti di Silvio Sbarigia (n. 23) – Il ricamo

Tags:


english version »

Hugh Kelsey ha scritto nel suo libro “Kelsey on Squeeze Play” che i giocatori che non studiano la compressione negano a sé stessi “…I momenti più eccitanti che il gioco può offrire…”. L’affermazione è vera non tanto per la compressione in sé – la maggior parte sono molto semplici – ma soprattutto per le manovre che sono necessarie ad instaurarla: un lavoro che appartiene alla più alta tecnica di gioco indipendentemente dall’obiettivo, non necessariamente una compressione. È un dato di fatto che il giocatore che non l’ha mai studiata spesso non è in grado di organizzare piani complessi nel gioco col morto. Read the full story

Silvio Sbarigia’s Quiz 23rd: The Lace

Tags: ,


leggi in italiano »

Hugh Kelsey wrote in his “Kelsey on Squeeze Play” that the players who do not study the squeeze technique are denying themselves “…The most exhilarating moments that the game has to offer…”. The statement is true not so much for the squeeze itself – most are very simple – but mainly for the manoeuvres that need to establish it: a task that belongs to the higher playing technique, regardless of the target, not necessarily a squeeze. It is matter of facts that a player who never studied the squeeze is often short of mapping out as declarer.

Read the full story

Giorgino Duboin’s column

Italian style 02The Neapolitan Club staff is honoured to welcome a new illustrious contributor: Giorgino Duboin. The great Italian champion will write a series of articles mostly dedicated to his international bridge activities. Duboin's Column »

Norberto Bocchi’s column

MyWay-logoThe great Italian champion Norberto Bocchi contributes articles on a regular basis to Neapolitan Club. Norberto refers in his column ‘My Way’ to political issues which may arise in the bridge world and sometimes he describes interesting hands. Read Bocchi's column»   Read Bocchi's interviews»

Rhoda Walsh Notes

Rhoda_WalshWalsh No Trump Notes by Rhoda Walsh: a study on No Trump openings with their developments  in uncontested and contested auctions. Table of Contents »
Annotations by Rhoda Walsh on the 1 Notrump game forcing  response in the "2 over 1 game forcing system" (Walsh System).Table of Contents»

Simply the Best

Best articles by Paolo Enrico Garrisi: open »

Let’s talk to the Champions!

Best interviews run by Laura Camponeschi: open »

Momorizing at Bridge

Are there techniques to develop some specific memory? Could be possible to make a choice of what might be more useful to memorize? Read what the champions say: open »

Silvio Sbarigia

 

SILVIO SBARIGIA is a pharmacist; he was born in Rome and lives there. He has won the European championship in 1975 with legendary Blue Team, runner up at 1974’s and at Olympic games of 1976.  Sbarigia is member of Neapolitan Club Technical Commettee. His bridge problems aren’t difficult; just we need to think on a plan and to avoid the instinctive playing. Bridge quizzes by Sbarigia »

Laura Cecilia Porro

Laura-Cecilia-Porro 142

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.