Crea sito

Tag Archive | "Forquet"

The Cardinal Virtues according to Norberto Bocchi: Prudence (interview)

Tags: ,


Leggi in italiano »

Norberto BocchiWe have got Norberto Bocchi coming from the victory in Montegrotto International Team (with M.T. Lavazza, Ferraro, Duboin, Sementa), and just before leaving for Saint Louis (MO), to play the Vanderbilt Trophy with Madala and Mustafa Cem Tokay

Between congratulations and good luck there had been only time for three bridge questions. We talked about the Prudence.

A) Interference from West: The Recklessness of Forquet. Como, 1958 Bermuda Bowl, first hand of the match Italy-USA. Love all, South opened 1; Pietro Forquet in West overcalled 1♠ with:

♠107653 KQ8 KQ ♣1083

whereas B. Jay Becker, the other table’s West, had passed. This is not exactly a “lead directing” style, and, what’s more, the interference of Forquet was hazardous even because the opponents were Tobias Stone and Alvin Roth with their very sound system: opening from 14 HCPs and unlimited strength (as today Fantoni-Nunes).

I ask you, Norberto: wasn’t Forquet too reckless with that poor suit and against such a sound Opener? But also I have to ask you: how much really do matter the heads in the overcalling suit?

Norberto Bocchi: I would say that, for the bridge played in those times, this 1♠ overcall was very aggressive; but isn’t the case, maybe, that Forquet was forerunner in 1958?

About holding heads in the interference suit I think – and I hold that it’s an opinion shared by many strong players – that the one level overcall could be done, at limit, even without heads in the suit, because the advantages of overcalling sometimes are much greater than the risk to suggest a wrong lead.

But I admit that there are exaggerations; I remember an overcall by Antonio Sementa, he had ♠Qxxxxx Jxxx xx ♣x and was vulnerable: on 1♣ opening, Sementa interfered by 1♠. But also I remember that Alfredo Versace upheld this kind of overcall saying that it was almost due, whereas I and others were bewildered. As you can see, all was lacking in that hand: the heads in the overcalling suit, the points, and the advantage love to vulnerable!

 

B) East’s Intervention: The Prudence of Mike Lawrence. In his “The complete book on overcall in Contract Bridge” (1979 Hardy, Hawthorne CA), Mike Lawrence bore this example: South opened 1 in a standard like system, West passed, North responded 1♠; sitting East, you hold:

♠862 QJ3 AKQ87 ♣K3

What would you call? Lawrence recommended to pass; 2 could work in a pair tourney, he wrote, but it would be dreadfully exaggerated in IMP. He explained: you have the worst cards you could have in the response’s suit, three deuces; you have non-heads honours in opening suit; the opponents have already told their major suits, therefore there is little to gain, tactically.

Do you agree with him?

Norberto Bocchi: Technically, Lawrence is right: with a 5332 without a biddable major, the three douces in the opening suit don’t promise well: there’s the risk that the partner held a ten of point and you could make 3NT but… in this specific hand I agree with Lawrence that it’s better to pass.

The best alternative is 1NT even without spade stopper: if I had to enter, it would do it for the best earnings. If I bid 2 instead, my partner might pass and we might have had a cool 3NT contract without any chance to call it.

 

C) Joe (Moose) Musumeci (1921-2004), non player captain of the Dallas Aces, defined the Seven Deadly Sins, which were: 1) Bidding without values 2) System violations; 3) Unilateral actions; 4) No-win declarer play; 5) No-win defensive play; 6) Impulsive play; 7) Mechanical errors (pulling the wrong card, revoking, etc.). From “At the table”, 1994 DBM Publications, Memphis, Tennessee. This book is the autobiography that Bob Hamman wrote with Brent Manley; Hamman commented: “Avoiding the first three sins was very important for maintaining partnership confidence and harmony”.

In which of these sins do you fall more often, and what does more tempt you?

Norberto Bocchi:  I might get into mistakes only playing impulsively, none of these deadly vices really tempts me… however, let’s analyze the Musumeci’s list.

1) Bidding without values. It’s highly subjective, it depends on pair’s agreements and on how they think bridge: there are pairs less or more aggressive. In brief, it’s a matter of style.

2) System violations. A good pair rarely violates the system; if the worst comes to the worst a player can make an “upgrade”, for example opening 1NT with good 14 points; or when the pre-emptive openings are allowed by many hands, thus rarely falling in violation. All the rest might exists, but it would be the classic own goal.

3) Unilateral actions. Sometimes the unilateral initiatives come from good players’ intuitions, thus in this case the deadly vice is transformed in virtue, except when these initiatives become too much frequent.

4) No-win declarer play; 5) No-win defensive play. A true good Player – with the case P – plays bridge not to show to be good but with the purpose to not get wrong; that is, he always tries to make the right move even if it could appear odd; he doesn’t fear to make a poor figure but always try to make the contract. You can play even passively, but most times it might be winning bridge.

6) Impulsive play. It’s a vice more of players who feel sure rather than the ones who are perplexed. It’s sure that this isn’t the kind of mistake which happens to the very slow player, but also it’s matter of pros and cons: the fast player tires much less than the slow one; at the end of a bridge day, with many hands and great stress, the crispness of the fast player is far greater than the slow one’s.

7) Mechanical errors (pulling the wrong card, revoking, etc.). The lack of concentration or the weariness push to such kind of mistakes, at high level they have to be avoided: that’s which makes the difference between the champion and the not-champion.

Adios y hasta muy pronto, Norberto!

***

Laura Camponeschi

(Photo: Norberto Bocchi kindly did up as golfer – he’s a good player − for the Laura Camponeschi article published on the paper magazine “Leggo a Tenerife”. This is the magazine of the Italian community in Canary Islands; that article just treated of bridge and golf)

Leer en español »

Le Virtù Cardinali secondo Bocchi: Prudenza (intervista)

Tags: ,


English version »

Norberto BocchiAbbiamo intercettato Norberto Bocchi appena tornato dalla vittoria nell’Internazionale a squadre di Montegrotto (con M.T. Lavazza, Ferraro, Duboin, Sementa), e giusto prima che volasse verso Saint Louis (Missouri), per giocare il Trofeo Vanderbilt con Madala e Mustafa Cem Tokay.

Tra un complimento ed un in bocca al lupo c’è stato tempo solo per tre domande.  Abbiamo parlato di Prudenza.

A) Interferenza da Ovest: La Noncuranza di Forquet. Como, Bermuda Bowl del 1958, prima mano della sfida Italia-USA. Tutti in prima, Sud aprì 1; Pietro Forquet in Ovest interferì 1♠ con:

♠107653KQ8 KQ ♣1083

laddove B. Jay Becker, Ovest all’altro tavolo, era passato. Questo non è esattamente lo stile per “suggerire l’attacco”, e, oltretutto, l’interferenza di Forquet fu azzardata anche perché gli avversari erano Tobias Stone e Alvin Roth col loro solidissimo sistema: apertura con minimo di 14 e senza limite superiore (come oggi Fantoni-Nunes).

Ti chiedo, Norberto: non fu Forquet troppo noncurante, col suo povero colore e contro apertura così solida? E però bisogna che ti chieda anche: quanto realmente conta avere le teste nel colore d’interferenza?

 

Norberto Bocchi: Direi che per il bridge che si giocava a quel tempo l’intervento di 1 picche potrebbe essere considerato molto aggressivo: ma non e’ che per caso Pietro Forquet fosse già avanti nel 1958?

Riguardo al possesso delle teste nel colore di interferenza, credo – e ritengo sia opinione condivisa da molti giocatori forti – che un intervento a livello uno possa essere fatto al limite anche senza avere le teste nel colore d’interferenza, perché i vantaggi che a volte si creano intervenendo sono molto maggiori rispetto al rischio di dare un attacco sbagliato.

Ma ovviamente anche per me ci sono interventi esagerati: a questo proposito ricordo un intervento di Antonio Sementa. Aveva in mano ♠Qxxxxx Jxxx xx ♣x ed era in zona. Sull’apertura di 1♣ Sementa intervenne licitando 1♠. Ma ricordo anche che Alfredo Versace difendeva questo tipo di intervento sostenendo che era quasi obbligatorio, mentre io ed altri giocatori eravamo sbigottiti. Come vedi in quella mano mancava tutto: le teste nel colore di intervento, i punti ed il vantaggio di essere in prima!

 

B) Intervento di Est: La Prudenza di Mike Lawrence. Nel suo “Il libro completo delle interferenze” (1979 Hardy, Hawthorne CA; 1991 Mursia), Mike Lawrence porta questo esempio: Sud apre 1 in un sistema tipo standard, Ovest passa, Nord risponde 1♠; seduto in Est, tu hai:

♠862 QJ3AKQ87 ♣K3

Ti chiedo: quale sarebbe la tua licita? Lawrence raccomanda di passare; 2 potrebbe funzionare in un torneo a coppie, scrive, ma sarebbe “spaventosamente esagerato” in duplicato. Lui spiega: avete le peggiori carte che potreste avere nel colore di risposta, tre cartine; avete onori non di testa nel colore d’apertura; gli avversari hanno già detto i loro nobili, perciò avete poco da guadagnare tatticamente. Sei d’accordo con lui?

Norberto BocchiTecnicamente ha ragione Lawrence: con una 5-3-3-2 senza un colore nobile dichiarabile, le tre cartine nel colore di apertura non promettono bene: c’è il rischio che il tuo compagno possieda una decina di punti e tu possa realizzare 3NT ma… in questa situazione specifica concordo con Lawrence che sia meglio passare.

L’alternativa migliore è dichiarare 1NT anche senza il fermo a picche: se devo proprio intervenire lo faccio per avere il massimo profitto. Se invece dico 2 il mio compagno potrebbe passare e potremmo avere un contratto di 3NT sul tavolo senza aver avuto la possibilità di chiamarlo.

 

C) Joe (Moose) Musumeci (1921-2004), capitano non giocatore degli Assi di Dallas, definì i Sette Peccati Capitali: 1) Dichiarare senza valori; 2) Violazione del sistema; 3) Iniziative unilaterali; 4) Gioco col morto a non vincere; 5) Gioco difensivo a non vincere; 6) Gioco impulsivo; 7) Errori meccanici (tirare la carta sbagliata, fare renounce, etc.). Ripresi e tradotti da “At the table” – 1994 DBM Publications Memphis, Tennessee. Il libro è l’autobiografia che Bob Hamman ha scritto con Brent Manley. Hamman commenta: “Evitare i primi tre peccati era molto importante per mantenere l’armonia e la fiducia nella coppia”.

Ti chiedo: in quale di questi peccati tu cadi più spesso, e cosa t’induce maggiormente in tentazione?

Norberto BocchiPersonalmente posso incappare in errore solo quando gioco in modo impulsivo, nessuno di questi vizi capitali in realtà m’induce in tentazione… tuttavia facciamo l’analisi dei punti elencati da Musumeci.

1) Dichiarare senza valori. E’ molto soggettivo, dipende dagli accordi di coppia e da come s’intende il bridge: ci sono coppie più o meno aggressive. Insomma è una questione di stile.

 2) Violazione del sistema. Raramente una buona coppia viola il sistema, al limite un giocatore può fare un “upgrade”, ad esempio considerando 14 punti belli si può aprire di 1NT; oppure quando il barrage ti dà un ampio ventaglio di mani da dichiarare difficilmente incappa nella violazione. Il resto potrebbe esserlo, e allora significa fare il classico autogol!

 3) Iniziative unilaterali. Le iniziative unilaterali alcune volte sono fonti di intuizioni che i buoni giocatori possono avere, dunque in questo caso il vizio capitale si trasforma in una virtù, a meno che queste iniziative siano troppo frequenti.

 4) Gioco col morto a non vincere; 5) Gioco difensivo a non vincere. Un giocatore bravo con la B maiuscola gioca a bridge non per dimostrare di essere bravo ma con l’intento di non sbagliare: cerca, cioè, di fare sempre la giocata giusta anche se può essere impopolare; non si preoccupa di fare una brutta figura ma cerca sempre di fare il contratto. Si può anche giocare in modo passivo, ma il più delle volte può essere un bridge vincente.

 6) Gioco impulsivo. È un vizio in cui incappano di più giocatori che hanno una certa sicurezza nel gioco piuttosto che coloro che nutrono perplessità. Sicuramente non capita ad un giocatore eccessivamente lento un errore di questo genere, però si tratta anche di un dare ed avere: il giocatore veloce si stanca molto meno di un giocatore lento, alla fine di una giornata di bridge di stress e di tante mani giocate la freschezza di un giocatore veloce è molto maggiore di quella di un giocatore lento.

 7) Errori meccanici (tirare la carta sbagliata, fare renounce, etc). La mancanza di concentrazione o stanchezza portano ad errori di questo tipo, credo che ad alti livelli sarebbe meglio evitarli. E’ questo che fa la differenza tra un campione e un non campione.

Adios y hasta muy pronto, Norberto!

***

Laura Camponeschi

 

(Foto: Norberto Bocchi si è gentilmente vestito da golfista – è un buon giocatore − per l’articolo di Laura Camponeschi pubblicato sulla rivista cartacea “Leggo a Tenerife”. Questa rivista è edita dalla comunita italiana delle Isole Canarie; quell’articolo trattava appunto di bridge e golf)

Memories of 1958 Bermuda Bowl: Argentina Italy and Usa in Como

Tags: ,


leggi in italiano»

Memories of 1958 Bermuda Bowl: Argentina, Italy and Usa in Como. Our friends Ana Roth and Fernando Lema published on their e-magazine this article devoted to  first time of Argentina in Bermuda Bowl. Ana and Fernando’s article is accompanied by exclusive photograpfhic documentation. Read the full story

Ricordi dalla Bermuda Bowl del 1958: Argentina, Italia e Usa a Como

Tags: ,


read english version »

Ricordi dalla Bermuda Bowl del 1958: Argentina, Italia e Usa a Como. I nostri amici Ana Roth e Fernando Lema hanno pubblicato sul loro e-magazine questo articolo  dedicato alla prima volta dell’Argentina nella Bermuda Bowl. L’articolo di Ana e Fernando è corredato da un’esclusiva documentazione fotografica. Read the full story

Pietro Forquet (interview)

Tags: , ,


leer en español »                                    leggi in italiano »

 1. Ice self-control. The ACBL’s Official Encyclopedia writes on you: “…Known for calm, unruffled appearance, apparently immune to the nervousness that afflicted many other top stars…” At Stokholm 1956 European championship, indeed, your calm gave the victory to Italy. In the final match, against France, Roger Trezel doubled your 7♠. It was makeable, but Guglielmo Siniscalco, then your partner, switched to 7NT, also doubled but no longer makeable: the heart control was by void, and a six heart trick parade marched undisturbed trough the table. Read the full story

Pietro Forquet (intervista)

Tags: , ,


read english version »

 1. Autocontrollo di ghiaccio. L’Official Encyclopedia della ACBL (American Contract Bridge League), scrive di lei: “…Famoso per il suo atteggiamento calmo e mai scomposto, apparentemente immune al nervosismo che affligge molti campioni…”. Infatti ai campionati europei di Stoccolma, nel 1956, fu questa sua calma che diede la vittoria all’Italia. In finale contro la Francia, Roger Trezel contrò un 7♠. Era fattibile ma Guglielmo Siniscalco, il suo compagno di allora, deviò a 7NT, anche contrate ma non fattibili: il controllo a cuori era di vuoto, e una colonna di sei prese a cuori marciò indisturbata sul tavolo. Lei proseguì a giocare “…Placidamente…e questa prova di ottimo carattere permise a Siniscalco di riprendersi…” (Carl’Alberto Perroux – “Il Blue Team nella storia del Bridge”, pag. 68. Mursia 1973). Il suo carattere però è tutt’altro che serafico; come ottiene un tale dominio di sé al tavolo? Read the full story

E ora parliamo di bridge! (intervista a Norberto Bocchi)

Tags: , , , , , , , , , ,


read english version »

 bocchi by leone Norberto Bocchi  ci ha cortesemente concesso una lunga intervista: abbiamo proposto una serie di argomenti, ciascuno corredato da una citazione, e abbiamo, dunque, invitato il Campione italiano a discuterli con noi. Read the full story

And now let’s talk about bridge! (interview to Norberto Bocchi)

Tags: , , , , , , , , ,


leer en español »                                   leggi in italiano »

bocchi by leoneNorberto Bocchi has kindly given  us a long interview:  We have  referred a number of topics, each accompanied by a quote, and we therefore invited the Italian Champion to discuss with us. Read the full story

Giorgino Duboin’s column

Italian style 02The Neapolitan Club staff is honoured to welcome a new illustrious contributor: Giorgino Duboin. The great Italian champion will write a series of articles mostly dedicated to his international bridge activities. Duboin's Column »

Norberto Bocchi’s column

MyWay-logoThe great Italian champion Norberto Bocchi contributes articles on a regular basis to Neapolitan Club. Norberto refers in his column ‘My Way’ to political issues which may arise in the bridge world and sometimes he describes interesting hands. Read Bocchi's column»   Read Bocchi's interviews»

Rhoda Walsh Notes

Rhoda_WalshWalsh No Trump Notes by Rhoda Walsh: a study on No Trump openings with their developments  in uncontested and contested auctions. Table of Contents »
Annotations by Rhoda Walsh on the 1 Notrump game forcing  response in the "2 over 1 game forcing system" (Walsh System).Table of Contents»

Simply the Best

Best articles by Paolo Enrico Garrisi: open »

Let’s talk to the Champions!

Best interviews run by Laura Camponeschi: open »

Momorizing at Bridge

Are there techniques to develop some specific memory? Could be possible to make a choice of what might be more useful to memorize? Read what the champions say: open »

Silvio Sbarigia

 

SILVIO SBARIGIA is a pharmacist; he was born in Rome and lives there. He has won the European championship in 1975 with legendary Blue Team, runner up at 1974’s and at Olympic games of 1976.  Sbarigia is member of Neapolitan Club Technical Commettee. His bridge problems aren’t difficult; just we need to think on a plan and to avoid the instinctive playing. Bridge quizzes by Sbarigia »

Laura Cecilia Porro

Laura-Cecilia-Porro 142
Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.