Crea sito

Tag Archive | "Carruthers"

Memorizing at Bridge (3): “Shortcuts”

Tags: ,


Leggi in italiano »

Paolo Enrico Garrisi 03Two weeks ago I started a class of bridge at Ascoli Piceno’s Circolo Cittadino (City Club); my three pupils, Cinzia, Giampaolo and Valentina didn’t know anything of the game, it was their very first time at the table. I dealt a deck, turning up the last card, and I started to explain the Whist. I pointed out that it needed to carefully watch and remember any card. Later, at home, I received an email from Giampaolo; he wrote about card memorizing and asked me:
…Are there techniques to develop some specific memory?… Could be possible to make a choice of what might be more useful to memorize?
In my opinion, Giampaolo’s asking dealt with a main key of bridge thinking, and it deserved many responses, not one only; therefore I forwarded it to others. Today the responses from Boye Brogeland and John Carruthers.

 

 

Boye Brogeland (Elisabeth van Ettinger)Boye Brogeland  There are probably techniques that might help (the same way there are techniques to remembering texts you read better), but I haven’t used any specific technique myself. My main tip is focus. Focus on the cards in the suits and find out which cards are missing. As a beginner I would limit this to the trump suit. That’s your focus. Then you count the trump suit and try to figure out which cards remain in the suit. If it’s just small cards I would think of this as small cards and focus on the ten, jack, queen, king or ace that might be missing. If you do this every time you play a hand it will become automatic so you don’t have to spend much energy on the trump suit anymore. Then you can start the same drill on critical suits where you have to know which cards have gone and which cards are left. Little by little you will be able to remember more suits and hopefully can count all the suits after a few years (yes, it takes time to memorize the cards as I think it is as much an experience thing as a memory test).

 

John CarruthersJohn Carruthers  There are indeed techniques serious players can use to help memorize the cards in a bridge deal. Here are some points:

1. Firstly, the word memorize is a bit misleading. I prefer it that I am cognizant of the cards played rather than having memorized them. The key factor is counting the cards, not memorizing them. Having said that, you do need to memorize (or remember) the significant ones.

2. Focus, hard work, practice and repetition are the main ways bridge experts deal with the issue of remembering cards. Counting the cards is imperative.

3. However, little shortcuts are available.

Let’s take one suit at a time. Say your trump suit is as follows: AK43 opposite QJ52. Focus on the cards you are missing: 10 9 8 7 6. These cards are most often divided in the opponents’ hands 3 in one and 2 in the other. Since they are all equals, it matters not, after 2 rounds of trumps, with 2 from each defender, which trump is still outstanding. In this case you need to look to see that each defender follows twice, then realize that one trump is outstanding. That is a simple example, but the idea is to use your own and the opponents’ distribution to help with remembering and counting. Similarly, suppose you have a side suit of A2 opposite K1065 and plenty of trumps in both hands. You play the ace and king and trump one. You need to watch to see if both the queen and jack fall to make your ten good. If they do not, then one of those cards is still outstanding and you must ruff the ten as well.Similar techniques apply to the other suits and, depending upon the bidding and play, can be used on a case-by-case basis.

4. Shortcuts like those are necessary because bridge competitions are exhausting affairs and if one tried to actually memorize all 52 cards in each deal, by the end of a session, you’d barely be able to remember your own 13.

5. Practice makes perfect – it can do no harm and can help, to sit with a deck of 52 cards and turn over a few for a few seconds, then try to recall them. You’ll find that, with a complete effort, you will get better with practice.

6. Visualize the opponents’ hands, then play them out mentally with the opponents as you declare. Do the same for your partner and declarer when you defend. Review and revision is always necessary.

***

 

Memorizing at Bridge – by Paolo Enrico Garrisi

Part 3: “Shortcuts”

John Carruthers: How the new VP Scale worked in Bali

Tags:


Leggi in italiano»

ibpa logoThe WBF continues to improve its tournament conditions of contest. One such laudable change, implemented in Bali, was to allow the fourth-placed team among eight qualifiers for knockout play to declare itself available to be picked by the first-, second- or thirdplaced teams. Subsequently, the third- and second-placed teams could declare themselves available to the teams finishing ahead of them. This corrects the often-unfair plight of the fourth-placed team, previously guaranteed to face the best of the fifth-througheighth group. It had often been thought advantageous to finish fifth rather than fourth.

Another improvement is a relaxing of the requirements for financially-strapped NBOs to compete in the Bermuda Bowl and Venice Cup. Now they will need to either have a team in the World Bridge Games or send a pair in the new National Open Pairs.

In contrast with these improvements is the change from the 0-25 VP scale to a 0.00-20.00 scale. The rationale behind the change was the credo, “Every IMP counts.” That assertion, however catchy it sounds, has no intrinsic merit whatsoever. In bridge, not every point counts as a fraction of an IMP, so why should every IMP count as a fraction of a VP. It is inherent in the game that not all tricks are of equal value and that each IMP covers a range of points. Why should VPs be different?

The new scale will discourage newcomers with its apparent complexity and will convince editors to truncate or round off scores, or worse, ignore them altogether. Are we no longer trying to get young people into the game? Do we no longer care to report bridge scores in the press? Opposition to the new scale has come in an official statement from the IBPA Executive to the WBF and informally from a host of scribblers such as Ron Klinger, Brian Senior, Tim Bourke, Paul Marston and yours truly.

Since I’m a curious guy, I compared the official rankings of the Bermuda Bowl in Bali with the rankings as they would have resulted under six other scoring methods (see below). All these methods reveal that (at least for the Bermuda Bowl in Bali) it doesn’t matter which scoring method we use, the results are the same (there were a couple of minor differences). In that case, what we should be doing is simplifying the Victory Point scoring, not complicating it. It seems Victory Points are an illusion.

How about a simple 8-VP scale with 16 IMPs (in a 16-board match) for an 8-0 win and 5-IMP spreads for the other VP totals, i.e., an 11-15 IMP win = 7 VP, 6-10 IMPs = 6 VP, and 1-5 IMPs = 5 VP. An IMP draw would be a VP draw. The ranges and maximum for 8 VP could be modified if it were desired. Other than win/loss, what could be simpler? Another possibility is IMP differential, perhaps with a maximum. No VP conversion would be needed, simplifying things even further. Either method would be better than the current one and both with give the same result. The new scale may be mathematically sound, but it could be improved upon socially.

 Comparative

 

Notes:

1. Actual rankings of the top 12 teams (those above average) from Bali.

2. Scores and rankings according to the old WBF VP scale, in use from the late 1960s until this year.

3. The original VP scale used, for example, in the 1964 Olympiad Teams (18-board matches): 18+ IMPs = 7-0 VP; 10-17 IMPs = 6-1 VP; 4-9 IMPs = 5-2 VP; 0-3 IMPs = 4-3 VP. IMP ties were broken by (i.) most boards on which IMPs were won, then (ii.) total points.

4. IMP VPs are calculated on a 1-to-1 basis (IMPs to VPs) to a maximum of 100 VPs per match,i.e., 50 IMPs is a blitz (100-0). For this type of scale approximately 3 IMPs per board could be the standard for a blitz.

5. Most professional sports use a win/loss system to create their ranking table – here are the results if bridge did the same.

6. Ameliorating win/loss is the 1 = win by 5 or more IMPs; ¾ = win by 1-4 IMPs; ½ = tie; ¼ = lose by 1-4 IMPs; 0=lose by 5 or more IMPs. Fractions from the basic 1- ¾ – ½ – ¼ – 0 schema are made into whole numbers by multiplying by 4. The range for a fractional win or loss (¾ or ¼) is calculated at approximately ¼ IMP times the number of boards in the match.

7. If one were to consider the Round Robin as one long continuous match, it could be scored at raw IMPs without resorting to Victory Points at all. This may be visually a little hard on the teams at the bottom of the table (places 13-22) which are all net minus in IMPs. This method is the same as IMP VPs without results beyond +50 or -50 being negated.

***

John Carruthers

IBPA Bulletin No. 586 November 5, 2013

More article about the new VP Scale: click here >>

John Carruthers: La nuova scala VP in azione a Bali

Tags:


English version »

ibpa logoLa WBF continua a migliorare i regolamenti di gara. Uno dei lodevoli miglioramenti, adottato a Bali, e’ stato consentire al quarto classificato (tra gli otto qualificatisi ai testa a testa) di dichiararsi disponibile ad essere scelto dal primo, secondo o terzo classificato. Inoltre, il terzo e secondo in classifica si sono potuti dichiarare disponibili ad essere scelti dalle squadre sopra di loro. Questo accorgimento compensa la posizione spesso svantaggiosa della squadra quarta in classifica, che in precedenza doveva giocare contro la migliore tra le squadre classificate da quinta a ottava. Si era spesso detto che fosse meglio arrivare quinti piuttosto che quarti.

Un’altra miglioria e’ rendere meno rigide le regole di partecipazione alla Bermuda Bowl e Venice Cup per le NBO in difficolta’ economiche. Ora dovranno o mandare una squadra ai World Bridge Games, o mandare una coppia alle National Open Pairs.

Tuttavia, il passaggio dalla scala VP 0-25 a quella 0.00-20.00 va in direzione contraria a questi passi avanti. La motivazione dietro questo cambiamento e’ il motto “Ogni IMP conta”. Questa frase, anche se suona bene, non ha nessun valore. Nel bridge non e’ vero che tutti i punti hanno uguale valore per vincere IMP, quindi perche’ tutti gli IMP dovrebbero avere uguale valore per vincere VP? Fa parte del gioco che non tutte le prese abbiano uguale valore, e che ogni IMP copra una gamma di punti. Perche’ i VP dovrebbero essere diversi?

La nuova scala scoraggera’ i principianti, con la sua apparente complessita’, e spingera’ gli editori a tagliare o arrotondare i punteggi, o peggio, ad ignorarli del tutto. Non stiamo piu’ cercando di attirare i giovani al gioco? Non ci interessa piu’ diffondere i risultati bridgistici nei giornali? Reazioni negative contro queste scale sono state registrate in dichiarazioni ufficiali del comitato esecutivo IBPA, e in commenti informali di autori come Ron Klinger, Brian Senior, Tim Bourke, Paul Marston e me stesso.

Dato che sono curioso, ho confrontato i risultati ufficiali della Bermuda Bowl a Bali, con i risultati che si sarebbero ottenuti usando sei metodi alternativi (vedi tabella). Tutti questi metodi mostrano che (almeno per la Bermuda Bowl a Bali) indipendetemente dal metodo usato, i risultati sono gli stessi (ci sono solo un paio di differenze marginali). Stando cosi’ le cose, bisognerebbe semplificare il punteggio VP, invece di complicarlo. Sembra che i VP siano un’illusione. Ad esempio, perché non usare una scala semplice di 8 VP, con 16 IMP (per gare di 16 mani), 8-0 per la vittoria e scalini di 5 IMP per i VP, cioè 11-15 IMP = 7 VP, 6-10 IMP= 6 VP, 1-5IMP = 5 VP. Se si pareggia in IMP, si pareggia anche in VP. Gli scalini e il massimo di 8 VP puo’ essere modificato, se si vuole. A parte vittoria/sconfitta, cosa può essere più semplice? Un’altra opzione è contare la differenza di IMP, forse con un limite massimo. Non servirebbe la conversione in VP, e questo semplificherebbe le cose ancora di più. Uno di questi metodi sarebbe migliore di quello attualmente in uso ed entrambi produrrebbero gli stessi risultati. Anche se la nuova scala e’ matematicamente solida, può essere migliorata da un punto di vista sociale.

 Comparative

Note

1. Risultato finale delle prime 12 squadre classificate a Bali (quelle sopra media)

2. Punteggi e classifica secondo la precedente scala VP della WBF, usata dalla fine degli anni sessanta fino al 2013.

3. La scala VP originale usata, ad esempio, nelle Olimpiadi del 1964 (partite di 18 mani): 18+ IMP = 7-0 VP; 10-17 IMP = 6-1 VP; 4-9 IMP = 5-2 VP; 0-3 IMP = 4-3 VP. I pareggi in IMP venivano sciolti cosi’: (i.) numero di board in cui sono stati vinti IMP, (ii.) punti totali.

4. IMPVP sono calcolati con una scala 1:1 fino a un massimo di 100 VP per partita, quindi 50 IMP e’ il cappotto (100-0). Secondo questa scala, servono 3 IMP a mano per fare cappotto.

5. La maggior parte degli sport professionali usa un sistema vittoria/sconfitta per creare i risultati – questi sono i risultati se il bridge facesse lo stesso.

6. Per migliorare il sistema sconfitta/vittoria si puo’ fare cosi’ 1 = vittoria per 5 o piu’ IMP; ¾ = vittoria per 1-4 IMP; ½ = pareggio; ¼ = sconfitta per 1-4 IMP; 0=sconfitta per piu’ di 5 IMP. Le frazioni 1- ¾ – ½ – ¼ – 0 sono trasformate in numeri interi moltiplicando per quattro. La gamma di vittorie o sconfitte frazionarie (¾ o ¼) e’ calcolata moltiplicando 1/4 degli IMP per il numero di mani nella partita.

7. Se si considerasse il Round Robin come un’unica lunga partita, si potrebbe calcolare la classifica usando gli IMP solamente, senza VP. Questo potrebbe essere difficile da digerire per le squadre in fondo alla classifica (13-22) dato che i loro punteggi sarebbero tutti negativi. Questo metodo e’ come IMPVP, con limite massimo a +50 e minimo a -50.

***

John Carruthers

Bollettino IBPA (International Bridge Press Association) N. 586 – Novembre 2013

Edizione italiana a cura di Laura Cecilia Porro per Neapolitan Club

Articoli sulla nuova scala VP: clicca qui >>

Carruthers: L’ Affaire Israele

Tags:


English version »

ibpa logoC’è stata un bel po’ d’isteria sulle squadre israeliane in partenza (o no) per Bali, e ancor di più per gli sforzi che Migry Zur-Campanile, che ha passaporto israeliano ma è stata inserita nella squadra USA2 per la Venice Cup, sta compiendo per ottenere il visto entrare in Indonesia.

Ricapitolando brevemente, ecco quello che è successo fino ad oggi:

(1) La squadra femminile israeliana si è qualificata per la Venice Cup ma, a seguito delle controversie sorte con l’Indonesia riguardo ai visti e alla sicurezza, la federazione israeliana ha ritirato la squadra.

(2) Il ritiro della squadra argentina dalla d’Orsi Bowl ha creato una nuova opportunità di ingresso per una squadra europea. La squadra senior di Israele (che risultata prima delle non qualificate ai mondiali) si è però a sua volta ritirata (presumibilmente per le medesime ragioni che hanno portato al ritiro della rappresentativa femminile) e l ‘Olanda (classificata alle spalle di Israele) ha accettato l’invito per Bali.

(3) La squadra Westheimer, vincitrice dei trials statunitensi, giocherà la Venice Cup come Usa 2. Inizialmente composta di sole quattro giocatrici, la squadra è stata completata con la convocazione di 3 ulteriori giocatrici, due americane ed una israeliana: Westheimer, infatti, a seguito di sopraggiunti problemi di salute, non potrà infatti recarsi a Bali. Tra le componenti della squadra USA2 vi è una giocatrice israeliana che risiede negli Stati Uniti, Campanile, che non ha ancora ricevuto il visto.

Per questi fatti è stato rovesciato sull’Indonesia e sulla WBF uno sdegno immeritato. L’indonesia non riconosce Israele come stato sovrano, quindi la difficoltà nel rilascio dei visti non era certo inaspettata. La Gabsi (Federazione Bridge Indonesia) in questa circostanza si trova in balia del governo. La situazione sarebbe stata certo diversa se il Generale Wiranto (ex-comandante in capo dell’esercito indonesiano, aiutante di campo del presidente Suharto ed in precedenza un vicepresidente, e poi presidente del Gabsi) e Amran Zamzami (presidente della Gabsi) fossero ancora in carica. Ma l’influenza della Gabsi è scemata con il pensionamento di Wiranto e con la morte di Zamzami. In questi giorni, Wiranto è troppo impegnato con la sua candidatura alla presidenza dell’ Indonesia per potersi occupare di per questioni minori.

E così la La WBF è finita nel mirino per aver accettato di tenere i campionati del mondo in una nazione che non garantisce l’ingresso a tutti i concorrenti, ma le mani della WBF sono legate anche da paesi che certo non fanno a gara per candidarsi ad ospitare i suoi eventi (ma questa è un’altra storia). Gli Israeliani sono stati molto sportivi in tutta questa vicenda: è stato lasciato ad altri di manifestare reazioni isteriche, invocando qualcuno un cambio di sede, qualcun altro un boicottaggio. La WBF  può rincuorarsi per il fatto di non essere la sola organizzazione a trovarsi sotto la pioggia delle critiche per la scelta della sede dei suoi eventi: il CIO è stato attaccato per la scelta di Sochi (Russia) quale sede delle Olimpiadi invernali 2014 per la posizione del governo russo sui diritti degli omosessuali; anche la FIFA ha subito aspre critiche per la scelta del Qatar, in relazione alla richiesta fatta degli organizzatori di garantire stadi con aria condizionata per giocatori e spettatori. Quella richiesta è stata respinta dagli architetti degli stadi come “palesemente insostenibile”.

Gli “isterici”, e tra loro soprattutto gli Americani, dovrebbero notare che per le World Bridge Series di Filadelfia il governo degli USA ha negato il visto a 32 giocatori che avrebbero voluto partecipare. Questo episodio è stato riportato su BridgeWinners da Jason Feldman che, per inciso, è un avvocato esperto di immigrazione. Alcuni, ma non tutti, di questi giocatori sono stati successivamente ammessi negli Stati Uniti con l’aiuto di avvocati come Feldman, la USBF, la ACBL e la WBF, Forse le autorità indonesiane ed israeliane come quelle della WBF avrebbero dovuto fare una chiamata al generale Wiranto.

***

John Carruthers

Bollettino IBPA n. 584 – Settembre 2013

[Edizione italiana a cura di Neapolitan Club]

Carruthers: Israel Affaire

Tags:


Leggi in italiano »

ibpa logoThere has been a lot of hysteria over the Israeli teams bound (or not) for Bali and even more over the ongoing efforts of Migry Zur-Campanile, who holds an Israeli passport but has been added to the USA2 squad for the Venice Cup, to obtain a visa to travel to Indonesia. Read the full story

John Carruthers: Bali 2013 and the WBF regulations (2)

Tags:


Leggi in italiano »

ibpa logoLast month (1) we were critical of the WBF‘s policy of denying a place in the Bermuda Bowl or Venice Cup to NBOs not taking part in the Olympiad. The Jamaican women were the latest to run afoul of the regulation preventing participation and we predicted it would not be long before this happened again. Little did we realise that the prediction would come true within 24 hours. The Bahrain Open Team staged a minor upset, defeating Bangladesh in the semifinals of the BFAME (WBF Zone 4 – Asia and the Middle East) Trials to qualify, with India, for the Bermuda Bowl. Except … well, you know the story.

Furthermore, we are reliably informed (by Ron Klinger) that several teams (French Polynesia, New Caledonia and perhaps Vanuatu, although the latter is not a member of the WBF anyway) did not participate in the Zone 7 (South Pacific) Trials solely because they would be ineligible for Bali in the (admittedly unlikely) event that they qualified (Australia and New Zealand being the powers of the Zone).

The WBF could remedy this situation, but it would require drastic and immediate action. Here’s one solution: (i.) repeal the regulation retroactively and (ii.) allow the Jamaican women’s Team and the Bahraini Open Team to compete in Bali. Since that would produce an unwieldy 23 teams in each event, admit one more team in each series from Europe. That would result in Israel, the seventh-place finisher from Dublin last year, playing in the Bermuda Bowl and Austria, the eighth-place team in the Women’s, qualifying for the Venice Cup. Why the eighth-place team? Sweden, the team that finished seventh is already going, courtesy of Israel’s withdrawal. The expansion to 24 teams would produce no grief for anyone, would build some goodwill and would make four teams very happy. It would require only a minor adjustment to scheduling that could be accomplished with four 16-board matches on two of the seven qualifying days – not too onerous a regimen.

There is a fly in the ointment, however. The reason for Israel’s withdrawal from the Venice Cup seems to be purely political. Indonesia does not recognize Israel as a sovereign nation and had been delaying their approval to enter the country and any discussion of security for their players. With pressure on Israel to declare its intentions, Israel felt that withdrawal was its only option. So, even if the WBF were to permit a seventh team from Europe in the Bermuda Bowl, it would apparently not be Israel. European qualifiers for the Bermuda Bowl are Monaco,Netherlands, Italy, England, Poland and Germany. If Israel did not accept an invitation to play, can you guess who’s next in line? Yes…Sweden.

 ***

John Carruthers

IBPA (International Bridge Press Association) Bulletin No. 582 July 13, 2013

1) Read June Editorial: click here >>

 

John Carruthers: Bali 2013 e le regole della WBF (2)

Tags:


English version »

ibpa logoIl mese scorso (1) abbiamo criticato la linea della WBF di negare la possibilità di competere nella Bermuda Bowl o Venice Cup alle federazioni che non partecipano alle Olimpiadi. La squadra femminile giamaicana è stata l’ultima ad essere svantaggiata da questa regola e avevamo previsto che un altro episodio si sarebbe presto verificato. E così è successo, solamente ventiquattr’ore dopo. La squadra open del Bahrain ha battuto il Bangladesh nelle semifinali delle selezioni BFAME (zona 4 – Asia e Medio Oriente), e si è così qualificata alla Bermuda Bowl insieme all’India. E invece…be’, sapete la storia.

Inoltre, ci è stato detto da una fonte autorevole (Ron Klinger) che molte squadre (Polinesia francese, Nuova Caledonia e forse anche Vanuatu, anche se l’ultima non è un membro della WBF) non hanno partecipato alle selezioni di zona 7 (Sud Pacifico) perché non si sarebbero potute qualificare per Bali, nell’improbabile caso di vittoria (Australia e Nuova Zelanda sono le potenze in questa zona).

La WBF potrebbe risolvere il problema, ma richiederebbe un’azione drastica e immediata. Ecco una soluzione: (i.) cambiare le regole retroattivamente, e (ii) dare il diritto alla squadra femminile giamaicana e la squadra open del Bahrain di andare a Bali. Dato che questo porterebbe ad avere lo scomodo numero di 23 squadre in ogni categoria, la WBF dovrebbe mandare una squadra in più dall’Europa. Questo permetterebbe alla settima squadra classificata a Dublino nella categoria signore, Israele, e l’ottava, Austria, di andare a Bali(2). Perché l’ottava? La Svezia, che si è classificata settima, è già in lista per Bali, grazie al ritiro di Israele. Estendere a 24 squadre non farebbe arrabbiare nessuno, mostrerebbe lo spirito di buona volontà e farebbe felici quattro squadre.

Ci vorrebbe solo una modifica al programma, e cioè giocare 4 partite di 16 mani l’una in due giorni su sette durante le qualifiche – non sarebbe troppo faticoso. C’è un sassolino nella scarpa però. Sembra che il motivo del ritiro di Israele sia interamente politico. L’Indonesia non riconosce Israele come nazione e ha ritardato l’approvazione dei visti e la discussione delle misure di sicurezza per i giocatori nel paese. Messa sotto pressione per una decisione, Israele ha ritenuto che l’unica opzione possibile fosse il ritiro. Quindi, anche se la WBF aggiungesse una squadra alla Bermuda Bowl, non sarebbe Israele. I classificati a Dublino erano Monaco, Olanda, Italia, Inghilterra, Polonia e Germania (3). Se Israele non accettasse l’invito, riuscite a indovinare chi è in classifica dopo di loro? Sì…la Svezia.

 ***

John Carruthers

IBPA Bulletin No. 582 July 13, 2013  [Edizione italiana a cura di Laura Cecilia Porro per Neapolitan Club]

1) Leggi l’editoriale di giugno: clicca qui >>

2)A Dublino Israele (Women) si è in realtà qualificata sesta, ma dato che si è ritirata, la Svezia (settima classificata) andrà al suo posto. Questo sposta Israele in settima posizione. [N.d. E.]

3 )La classifica finale di Dublino, nell’open questa volta, è: Monaco, Olanda, Italia, Inghilterra, Polonia, Germania. Settima Israele, ottava Svezia. [N.d.E]

***

 

John Carruthers: Bali 2013 and the WBF regulations

Tags:


Leggi in italiano »

John CarruthersFrom a distance, it is sometimes difficult to understand the reasoning behind legislation and/or regulations. Such is the case with the following from the WBF website: “Participation in the Bermuda Bowl and Venice Cup Only NBOs participating in the World Bridge Games (incorporated in the 2nd World Mind Sport Games) are eligible to qualify to participate in the Bermuda Bowl and Venice Cup Championships held in either of the two subsequent odd-numbered years; in each case, an Open Team must participate in the Games in order to be eligible for the Bermuda Bowl and a Women’s team must participate to be eligible for the Venice Cup. Thus if an Open Team from an NBO did not participate in the 2012 Bridge Games then that NBO would not be eligible to participate in the Bermuda Bowl in either 2013 or 2015.”

The regulation then goes on to state that eligibility may be restored for 2015 (for example) by the NBO’s participation in the 2014 Rosenblum Cup/McConnell Cup/ Open Pairs at the World Bridge Series. One can understand the desire of the WBF to have as many countries as possible compete in the World Bridge Games (formerly the Olympiad). However, questions arise: (i) Is the regulation designed to encourage participation or to punish recalcitrance? (ii) Why should participation in the WBG be tied to eligibility for the BB/VC anyway? (iii) Is the ill will created by this regulation worth the cost? (iv) Does the regulation accomplish its avowed goal? (v) Is there a better way to encourage participation?

If punishment is the goal, it is a goal uncharacteristic of the new WBF administration. In the recent Zone 5 (CACBF) Trials, Jamaica defeated Guadeloupe in the Women’ National Teams, but was declared ineligible for Bali for failing to send a team to the WBG in Lille last year. Thus, the more financially-secure Guadeloupers will benefit from Jamaica’s ineligibility. Furthermore, this is not the first time this has happened to a team from Zone 5 (it also happened once each in Zone 3, South America and Zone 8, Africa), so the penalty has not apparently acted as encouragement to compete. In the case of the Jamaican women, a potential once-in-a-lifetime experience has been derailed.

As for the other questions, the answers seem to be: (ii) It is (dubiously) believed to encourage participation, (iii) The WBF seems not to be concerned about ill will, (iv) It does not accomplish its goal. As for (v), wouldn’t it be better to (a) get rid of this unfair regulation and (b) help teams from the poorer Zones to attend the World Bridge Games rather than punish them for financial distress, which is certainly the main reason (perhaps the only reason) for non-attendance? This could best be done by subsidizing the NBO or the players directly to the extent of lower entry fees, lower hotel rates and so on, or even by helping them acquire sponsors. Have someone from the WBF Executive speak to the administrators in the non-attending NBOs to offer encouragement and find out why they are not attending.

Looking at participation numbers (by number of countries attending) in the Olympiad/WBG, from 1960 to 2008, participation by nation rose steadily, in the Open Teams from 25 to 71 and in the Women’s Teams from 14 to 43. The Seniors began in 2000 and attendance has increased each time, from 24 to 32. Two thousand and twelve witnessed the first significant dip in participation in the 52 intervening years. In Zone 5, only Guadeloupe regularly sends teams to the Olympiad/WBG in all three categories. It is a similar picture in Zones 3 (SA), 4 (BFAME), 7 (Oceania) and 8 (Africa) where only Argentina, Brasil, Pakistan, India, Australia, New Zealand, South Africa and Egypt regularly send teams in all three categories. It’s only a matter of time before another similar situation occurs there.

Instead of preventing nations from participating in the World Bridge Championships, let’s work on more effective ways of expanding the roster so all may attend.

***

John Carruthers

 IBPA Bulletin No. 581 June 10, 2013

John Carruthers: Bali 2013 e le regole della WBF

Tags:


English version »

 John CarruthersDa lontano, è a volte difficile capire il ragionamento che sta dietro leggi e/o regole. Questo è il caso del seguente passo dal sito WBF:

 “Partecipazione alla Bermuda Bowl e Venice Cup. Solo le NBO [Nationa Bridge Organizations – Federazioni nazionali di  bridge, NdT] che prendono parte ai World Bridge Games (inclusi nella seconda edizione dei World Mind Sport Games) sono idonee a qualificarsi per prendere parte alla Bermuda Bowl e alla Venice Cup, che si tengono in uno dei due anni dispari seguenti; in ogni caso, una squadra open o signore deve partecipare ai Games per essere idonea a qualificarsi per la Bermuda Bowl o Venice Cup, rispettivamente. Quindi se una squadra open di una NBO non ha partecipato ai Bridge Games 2012, questa NBO non è idonea a prendere parte alla Bermuda Bowl o del 2013 o 2015.”

 Il regolamento dice poi che l’idoneità può essere recuperata per il 2015 (ad esempio), se la NBO partecipa alla Rosenblum Cup/McConnell Cup/coppie open ai World Bridge Series nel 2014. Da un lato si può capire l’intento della WBF di far partecipare più paesi possibili ai World Bridge Games (le ex-Olimpiadi). Ciononostante, sorgono alcune domande: (1) questa regola è stata introdotta per incoraggiare la partecipazione o per punire chi non partecipa? (2) Perché la partecipazione alla BB/VC deve essere legata ai WBG? (3) Vale la pena di creare malcontento? (4) Questa regola raggiunge lo scopo? (5) C’è un modo migliore di incoraggiare la partecipazione?

Se lo scopo è punire, si tratta di uno scopo che non si confa alla nuova amministrazione WBF. Nelle selezioni di Zona 5 (Centro America e Caraibi), che si sono svolte di recente, la Giamaica ha sconfitto il Guadalupe nei nazionali signore, ma è stata dichiarata non idonea per Bali perché non aveva  mandato una squadra ai World Bridge Games l’anno scorso.

Inoltre, questa non è la prima volta che questo accade ad una squadra di Zona 5 (è anche accaduto una volta in Zona 3, Sud America, e una volta in Zona 8, Africa), quindi la punizione non ha agito come stimolo a competere. Nel caso delle donne giamaicane, è stata annientata la possibilità di fare un’esperienza forse unica.

Per quanto riguarda le altre domande, le risposte sembrano essere: (2) è dubbio che incoraggi la partecipazione, (3) la WBF non si preoccupa del malcontento, (4) non raggiunge lo scopo. Per quanto riguarda il punto (5), non sarebbe forse meglio (a) eliminare questa regola iniqua e (b) aiutare le squadre dalle Zone più povere a prendere parte ai World Bridge Games, piuttosto che punirle per le loro difficoltà economiche, che sono certamente la principale causa (forse l’unica) della loro assenza?

Questo si può fare aiutando la NBO o i giocatori direttamente, ad esempio con tariffe d’iscrizione più basse, sconti sugli hotel, o aiutandoli a trovare degli sponsor. Bisogna trovare qualcuno dell’esecutivo WBF che vada a parlare con gli amministratori delle NBO assenti, affinché offra incoraggiamento e affinché capisca perché non partecipano.

Guardando il numero di partecipanti (per numero di paesi) alle Olimpiadi/WBG, dal 1960 al 2008, il numero di paesi giocanti è salito costantemente, nell’open da 25 a 71, e nel signore da 14 a 43. I senior sono iniziati nel 2000 e da quell’anno le squadre sono salite ogni anno, da 24 a 32. Il 2012 è stato il primo anno in cui si è assistito al primo calo significativo di partecipazione in questi 52 anni. Nella Zona 5, solo Guadalupe manda squadre regolarmente in tutte le categorie alle Olimpiadi/WBG. Lo stesso accade nelle Zone 3 (Sud America), 4 (Asia e Medio Oriente), 7 (Oceania) e 8 (Africa), dove solo Argentina, Brasile, Pakistan, India, Australia, Nuova Zelanda, Sud Africa e Egitto mandano squadre in tutte le categorie. E’ solo una questione di tempo prima che anche lì si verifichi lo stesso problema.

Invece di impedire ai Paesi di partecipare ai World Bridge Championships, cerchiamo di lavorare a metodi più efficaci per coinvolgere più squadre.

 

***

John Carruthers

Bollettino IBPA n. 581, 10 giugno 2013 [Edizione italiana a cura di Laura Cecila Porro per Neapolitan Club]

 

 

Ron Klinger: The New WBF IMPs-to-VPs Scale

Tags: ,


Leggi in italiano »

ibpaAs known, the WBF decided to revise the scoring system and published a new VP scale, which will become the standard starting from Bali’s World Championships 2013. On May’s edition of IPBA bulletin, Ron Klinger published an interesting article, followed by the director’s comment, John Carruthers.  We publish here both contributes.

Ron Klinger. Under the new Victory Point scale adopted by the World Bridge Federation, every IMP counts (very good), but the IMPs vary in ever-decreasing fractions the more one scores. For the Ron Klinger (by E. van Ettinger)14-board scale used in the NEC Cup, IMPs 1 and 2 were worth 0.33 VPs each, IMPs 3 and 4 were worth 0.31 VPs each, IMP 5 = 0.30 VPs, IMPs 6 and 7 = 0.29 VPs and so on. Unless you memorize the scale, you have no way of checking your Victory Point score without consulting the relevant scale.

Another feature of the new scale is that it tilts the scores heavily in favour of small wins (making overtricks significantly more valuable). Under the former WBF scale, 0-2 IMPs was a draw for 14-board or 16-board matches. On the new scale 2 IMPs = 10.66–9.34 or a difference of 1.32 VPs compared to the draw previously. For 16-board matches, 3-7 IMPs used to be 16-14 in VPs, a difference of 2 VPs. On the new scale 7 IMPs = 12.16–7.84 VPs, a difference of 4.32 VPs, more than double the previous 2-VP difference.

It is very attractive to have every IMP count, but the scale could be greatly simplified and achieve virtually the same result with slightly less emphasis on small wins.

Suppose you want to cut the scale out at a maximum win of, say, 60 IMPs (16-board to 20-board matches). The first 20 IMPs could be scored at 0.25 VP each. Thus a 10-IMP win would be 12.5–7.5 (12.97–7.03 on the current scale) and a 20-IMP win would be 15.0–5.0 (15.26–4.74 on the current scale). It would also lessen the impact slightly for small wins: 2 IMPs = 10.5–9.5 (vs 10.66–9.34), 7 IMPs = 11.75–8.25 (vs 12.16–7.84).

IMPs 2-40 could be at 0.20 VPs each. Thus a 30-IMP win would be 17.0–3.0 (17.04–2.96) and a 40-IMP win = 19.0–1.0 (18.41 –1.59) IMPs 41-60 could be at 0.05 each.

 

Or, a slightly more even gradation could be:

IMPs 1-20 at 0.25 VPs each. 10-IMP win = 12.5 – 7.5; 20-IMP win = 15-5

IMPs 21-40 at 0.15 VPs each. 30-IMP win = 16.5 – 3.5; 40-IMP win = 18-2

IMPs 41-60 at 0.10 VPs each. 50-IMP win = 19.1; 60-IMP win = 20-0

 

If you wanted to cut out at 50 IMPs for a maximum win (12-15 board matches):

IMPs 1-20 at 0.25 VPs each. 20-IMP win = 15-5

IMPs 21-40 at 0.20 VPs each. 40-IMP win = 19-1

IMPs 41-50 at 0.10 VPs each. 50-IMP win = 20-0

 

If you want to make 40 IMPs a maximum win (8-11 board matches):

IMPs 1-20 at 0.30 VPs each. 20-IMP win = 16-4

IMPs 21-40 at 0.20 VPs each. 30-IMP win = 18-2, 40 IMPs win 20-0.

 

For 30 IMPs as a maximum win: 3-7 board matches:

IMPs 1-20 at 0.40 VPs each. 20-IMP win = 18-2

IMPs 21-30 at 0.20 VPs each. 30-IMP win = 20-0

 

For 1 or 2 board matches: 1 IMP = 1 VP up to a maximum of 20 VPs.

 

I am no mathematician, and those who produced the new WBF scales are, but it does seem attractive to make the WBF scales sIMPle and comprehensible to the average player. The preceding suggestions achieve the aim of having every IMP count and skew the scale less heavily in favour of the small wins. It also makes the scales easier to follow and allows anyone to work out the VPs using sIMPle arithmetic.

 

John CarruthersJohn Carruthers (IBPA Bulletin’s Editor). Agreed, simpler is better. However, do we need to accept the premise that “Every IMP counts”? I see no intrinsic merit in it. To illustrate why, consider the scoring at bridge from total points to IMPs. There are no decimal IMPs – every IMP has a range of points. A differential in team scores of 10 points even counts as 0 IMPs. So why is it necessary to make every IMP count? To my mind, having whole Victory Points is a more more laudable goal than making every IMP count.

 In an era when most jurisdictions are having difficulty attracting new players (especially young ones) to the game, we should be doing all we can to simplify scoring, not complicate it. Moves such as this to decimal scoring reduce the accessibility of the game to the uninitiated. A better move would have been to make every IMP worth one Victory Point or to make every board a point. Decimal Victory Points are an abomination! What is next on this continuum – making every point count for decimal IMPs? 

 ***

 Read the previous discussion: Carruthers Klinger and Bramley about new Victory Points Scales

*

IBPA Bulletin No 580 – May 10, 2013

Ron Klinger: La nuova scala di conversione IMP → VP della WBF

Tags: ,


English version »

ibpaCome è ormai noto, la World Bridge Federation (WBL) ha deciso di rivedere il sistema dei punteggi e, a tal fine, ha pubblicato una nuova scala di Vicotory Point (VP) che sarà adotatta a partire dai prossimi mondiali di Bali (settembre 2013). Sul numero di maggio del bollettino della International Press Bridge Association (IBPA) è stato pubblicato un interessante contributo di Ron Klinger, seguito dal commento del direttore della rivista, John Carruthers. Riportiamo qua di seguito entrambi gli interventi.

 

Ron Klinger. Nella nuova scala di Victory Point (VP), adottata dalla World Bridge Federation (WBF), ogni IMP conta (molto bene), ma quanto più aumenta il vantaggio tanto meno Ron Klinger (by E. van Ettinger)conta il singolo IMP. Per la scala da quattordici mani adottata nella NEC Cup a Yokohama, il primo ed il secondo IMP di vantaggio valevano 0.33 VP ciascuno, il terzo e il quarto valevano 0,31, il quinto 0,30, sesto e settimo 0,29, e così via. A meno di impararla a memoria, non c’è via di stabilire quanto valga il nostro punteggio senza consultarla.

Un’altra caratteristica della scala è che spinge pesantemente lo score in favore delle vittorie minime (rendendo le prese in più significantemente più vantaggiose). Nella precedente scala WBF, una differenza di 0-2 era sempre pari sia su quattordici mani sia su sedici. Nella nuova scala, due IMP danno invece la vittoria 10,66-9,34, cioè una differenza di 1,32 a confronto con la vecchia scala. Per incontri di sedici mani, 3-7 IMP comportavano prima una vittoria 16-14, cioè una differenza di due VP; nella nuova scala invece sette IMP portano a 12,16-7,84 VP, una differenza di 4,32, più del doppio di prima.

È davvero piacevole che ogni IMP conti, ma la scala potrebbe essere grandemente semplificata e portare praticamente allo stesso risultato diminuendo solo leggermente l’enfasi sulle piccole vittorie.

Supponiamo di voler tagliare la scala ad una vittoria massima di, diciamo, sessanta IMP (per incontri da sedici o venti mani). I primi 20 IMP potrebbero valere 0,25 ciascuno. Perciò una vittoria di dieci IMP sarebbe pari a 12,5-7,5 VP (12.97-7.03 nella scala attuale), e una vittoria di venti sarebbe pari a 15-5 (15.26-4.74 nella scala attuale). Questo diminuirebbe leggermente anche l’impatto sulle vittorie minime: due IMP = 10,5-9,5 (vs 10.66-9.34); sette IMP = 11.75-8.25 (vs 12.16-7.84).

Gli IMPs da 21 a 40 [ESME: nel testo originale è scritto 2-40; chiaramente deve essere 21-40. Aggiungici una nota] potrebbero valere 0.20 ciascuno, quindi una vittoria di trenta IMP sarebbe pari a 17-3 VP (17.04-2.96), e una vittoria di 40 = 19.0-1.0 (18.41-1.59); 41-60 potrebbero valere 0,05 ciascuno.

Oppure, una graduazione più vicina all’attuale potrebbe essere:

IMP 1-20 a 0.25 VP ciascuno. Vittoria di dieci = 12.5-7.5; vittoria di venti = 15-5

IMP 21-40 a 0.15 VP ciascuno. Vittoria di trenta = 16.5-3.5; vittoria di 40 = 18-2

IMP 41-60 a 0.10 VP ciascuno. Vittoria di cinquanta = 19.1; di sessanta = 20-0

 

Se invece vogliamo mettere il tetto a cinquanta IMP (per incontri di 12-15 mani):

IMP 1-20 a 0.25 VP ciascuno. Vittoria a 20 = 15-5

IMP 21-40 a 0.20 VP ciascuno. Vittoria a 40 = 19-1

IMPs 41-50 a 0.10 ciascuno. Vittoria a 50 = 20-0

 

E per 8-11 mani, tetto a quaranta IMP:

IMP 1-20 a 0.30 VP ciascuno. Vittoria a 20 = 16-4

IMP 21-40 a 0.20 VP. Vittoria a 30 = 18-2; vittoria a 40 = 20-0.

 

Non sono un matematico, mentre lo sono quelli che hanno ideato la nuova scala, ma sembra meglio rendere la scala WBF più semplice e comprensibile per il giocatore medio. Le idee qui sopra raggiungono l’obiettivo di rendere significativo ogni IMP, e di modificare la scala in modo che non gravi pesantemente sulle vittorie di piccolo margine. In questo modo è anche più facile seguire l’andamento dell’incontro, e si permetterebbe a tutti di tirar fuori il risultato da semplici operazioni aritmetiche.

 

John CarruthersJohn Carruthers (IBPA Bulletin’s Editor). D’accordo, più è semplice e meglio è. Tuttavia, davvero dobbiamo accettare la premessa “Ogni IMP deve contare”? Non vedo meriti intrinseci in essa. Per illustrare il perché, si consideri la trasformazione dal punteggio totale in IMP; non ci sono decimali – ogni IMP ha un suo rango di punteggio. Una differenza di dieci punti conta zero. Allora perché si considera necessario che ogni IMP conti? Per me, avere i Victory Point interi è più importante del fatto che ogni IMP abbia un suo proprio valore.

 In un’era in cui molte organizzazioni hanno difficoltà ad attrarre nuovi giocatori (specialmente quelli giovani), dovremmo fare tutto quello che possiamo per semplificare il calcolo dei punteggi, non per complicarlo. Mosse come questa dei punteggi decimali riducono l’accessibilità del gioco per chi inizia. Una mossa migliore sarebbe di parificare ogni IMP ad un VP o far valere ogni mano un punto. I Victory Point decimali sono un’abominazione! Quale sarà il seguito di questo andazzo, trasformare ogni punto in decimali di IMP?

***

Leggi la precedente discussione: Carruthers Klinger e Bramley intervengono sul nuovo sistema di punteggi (VP Scales)

*

 

IBPA Bulletin No 580 – May 10, 2013

[Edizione italiana a cura di Paolo Enrico Garrisi per Neapolitan Club]

 

John Caruuters: L’affaire Monaco-Auken

Tags:


Leggi in inglese »

John CarruthersNel bridge ci sono due enti che stilano le regole, la WBF e la commissione leggi della ACBL, e benché ci sia un unico gruppo di regole, la loro interpretazione e applicazione varia da luogo a luogo. Ad esempio, i ricorsi sono accettati nella ACBL, ma scoraggiati dalla WBF. Secondo la WBF, sono consentiti risultati arbitrali “misti”, mentre secondo la ACBL è bianco o nero. Ad esempio, per la WBF un punteggio di 225 per un contratto di 3SA è legale, se l’arbitro decide di assegnare il punteggio per contratto che metà delle volte è realizzato (+400), e metà delle volte va down (-50); invece secondo la ACBL, il punteggio può essere solo o +400 o -50, a seconda dei casi. Se da un lato preferisco l’approccio della ACBL per quanto riguarda i ricorsi, per quanto riguarda i risultati la soluzione WBF è meglio.

Sembra più ragionevole assegnare un risultato in percentuale se la situazione non è netta, e la maggior parte dei ricorsi non lo sono. Durante la partita fra Auken e Monaco, a St. Louis nel torneo Vanderbilt, la decisione presa dal comitato di ricorso è stata controversa e ha determinato il risultato della partita.

L’elemento scatenante è stata un’informazione errata data dal morto Tor Helness al difensore Roy Welland che potrebbe aver influenzato la scelta di Welland della carta d’attacco e la successiva linea difensiva. L’arbitro ha ritenuto valido il risultato di 3SA fatte (+400 per Monaco). I difensori hanno fatto ricorso basandosi sul fatto che Welland avrebbe potuto attaccare diversamente se avesse avuto l’informazione corretta. Nonostante il comitato abbia ritenuto che altri attacchi fossero improbabili, han concesso la validità di altri argomenti, che sembra siano stati tirati fuori durante il pranzo, riguardo l’accuratezza della linea difensiva risultata dalla scorretta spiegazione.

Indipendentemente da quello che ciascuno pensa della decisione, la procedura è, a dir poco, viziata, e, a dirla tutta, sbagliata. Può essere giusto:

(a) dare un punteggio bianco o nero in una situazione piena di sfumature (il comitato ha preso la decisione con 3 voti contro 2 e ci ha messo molto);

(b) autorizzare un argomento venuto fuori solo dopo molte discussioni coi compagni di squadra, ore dopo aver fatto ricorso?

La dichiarazione del comitato di ricorso è interessante: “Nord-Sud potrebbero essersi resi conto solo a pranzo delle implicazioni che l’informazione corretta avrebbe avuto sulla difesa di Sud, ma l’argomento è valido o no da solo”.

La differenza tra le regole (e leggi) non fa bene al gioco e esorto le autorità competenti a trovare un terreno comune, altrimenti ci saranno altre situazioni in cui un ricorso viene vinto in un luogo e perso altrove.

Non sto cercando di eliminare i comitati di ricorso, perché credo che la parte lesa abbia diritto di appellarsi contro un giudizio che ritiene errato. L’analogo in una situazione di vita normale sarebbe lasciare che la polizia decida della colpevolezza o innocenza. Il ricorso serve a proteggere i giocatori, così come il sistema giudiziario, per quanto sgangherato, protegge gli innocenti (in teoria). Nonostante ciò questo ricorso, il più controverso da vari anni a questa parte, verrà certamente strumentalizzato da coloro che vogliono eliminare i ricorsi.

Per chi fosse interessato a rivedere i dettagli del ricorso può consultare il Bollettino ACBL del 9 marzo 2013, p. 14: clicca qui >>

Le dichiarazioni del Presidente della Federazione Monaco Bridge Jean-Charles Allavena: clicca qui >>

La replica di Sabine Auken (partener di Roy Welland): clicca qui >>

 ***

John Carruthers

[Bollettino IBPA – Aprile 2013 – Edizione italiana a cura di Laura Cecilia Porro per Neapolitan Club]

John Carruthers: If I Were Czar of All Sports

Tags:


leggi in italiano »

John CarruthersWe sometimes indulge in a silly exercise we call ‘If I Were Czar of All Sports’ and could change some of the odder rules that each sport embraces, which would we choose to change? Prime examples are the following. Football: The one-referee system and the disinclination to police ‘embellishment’, that unlovely euphemism for diving, need to be changed. Further, even popes are no longer infallible; why should referees be required to be so? Read the full story

John Carruthers: Se fossi lo Zar di tutti gli sport

Tags:


english version »

John CarruthersTalvolta mi dedico ad uno sciocco esercizio accademico chiamato “Se fossi lo zar di tutti gli sport, e potessi cambiare alcune delle regole più strane, quali cambierei?”. Gli esempi più noti sono i seguenti. Cominciamo dal Calcio: il sistema che prevede un arbitro solo e la tendenza a non punire le simulazioni deve essere cambiato. Inoltre, nemmeno i papi sono infallibili; perché dovrebbe esserlo un arbitro? Read the full story

John Carruthers – A proposito della Coppa Campioni 2012

Tags:


english version »

La Coppa Campioni europea fatica a trovare la sua identità. E’ nata come successore del torneo Europa Cup, l’equivalente della Champions League UEFA sponsorizzato da Philip Morris, per far gareggiare club d’elite da tutta Europa. Ora si è trasformata in un weekend di vacanza per le squadre coinvolte. Si qualificano alla Coppa Campioni le nazioni che sono arrivate in testa ai campionati europei precedenti, e che vengono invitate a mandare i campioni del campionato societario nazionale. Read the full story

John Carruthers – About Champion’s Cup 2012

Tags:


leggi in italiano »

The European Champions’ Cup continues to struggle to find an identity. Originally conceived as the successor to the Phillip Morris-sponsored Europa Cup and the bridge equivalent to UEFA’s Champions League, with elite clubs from all over Europe competing, it has regressed into a holiday weekend for the teams involved. Qualification for the Champions’ Cup is by nation, the top finishers in the previous European Team Championships being invited to send their NBO’s club champions. Read the full story

Macau Cavendish – Second Act

Tags:


leggi in italiano »

John Carruthers is one of the best known Canadian players, and as much famous as bridge author and journalist. Today he’s editor of the International Bridge Press Association (IBPA) Bulletin. In the last issue, reserved to IBPA members, between the other things John has dealt with the Cavendish Invitational, and Neapolitan Club has just published his entire article. Laura Camponeschi, co-founder of Neapolitan Club, has then sent to Carruthers some considerations on the matter. It has come along an interesting discussion, and John and Laura have decided to make public their private mails; we therefore publish an excerpt of Laura Camponeschi’s mail – about the Cavendish – and John Carruther’s response. Read the full story

John Carruthers: The Macau Cavendish

Tags:


leggi in italiano »

Bridge authorities have shown great perspicacity in the organisation of their events lately. Most importantly, the World Bridge Games (formerly the Olympiad Teams) had three main events, Open, Women’s and Seniors, and all were run in parallel, playing the same boards with, for the most part, three sessions of 16 boards per day. The organisers were even able to synchronise the final two Round Robin matches in the Seniors event with the first two sessions of the Knockout stages of the Open and Women’s events. The World Bridge Federation had already organised the Bermuda Bowl/Venice Cup/d’Orsi Bowl along similar lines, all three series having the same number of teams and the same structure. The final step is to do the same for the next Rosenblum Cup/McConnell Cup/Rand Cup. Read the full story

John Carruthers: Macau Cavendish

Tags:


english version»

Le organizzazioni bridgistiche hanno mostrato grandi qualità nella gestione di tornei recenti. In particolare i Campionati del Mondo (le ex-Olimpiadi) hanno annoverato tre sezioni (Open, Wimen e Senior), che si sono svolte in parallelo, giocando le stesse mani in tre sessioni di 16 board l’una al giorno. Gli organizzatori sono riusciti a sincronizzare i due ultimi Round Robin della sezione Senior con i primi due turni del testa a testa open e signore. La Federazione Mondiale Bridge ha già organizzato la Bermuda Bowl/Venice Cup/d’Orsi Bowl in modo simile: le tre sezioni avranno lo stesso numero di squadre e la stessa struttura. L’obiettivo finale è di raggiungere un’organizzazione simile anche nella prossima Rosenblum Cup/McConnell Cup/Rand Cup. Read the full story

Carruthers Klinger and Bramley about new Victory Points Scales

Tags:


leggi in italiano »

The WBF decided to revise the Victory Points scoring system. The task has been assigned to a Committee, chaired by Ernesto d’Orsi, co-chaired by Max Bavin, and composed by Henry Berthe, Bart Bramley, Peter Buchen, and Maurizio di Sacco. The recommended changes have been adopted by the WBF executive committee and they will soon be used starting with the next World Championships (Bali, September 2013). The announcement has been made during the Mind Sport Games in Lille (August 2012), with a note published on the Daily Bulletin (n. 10, 19th of August). The IBPA (International Bridge Press Association) Bulletin also quotes the announcement. This news has left Ron Klinger, popular journalist and writer, perplexed. Thus, he wrote a letter to the Committee. John Carruthers, IBPA Bullettin Editor, devoted to this topic his last editorial.  And Bart Bramley, committee member, replied. We publish here for our readers the letter by Klinger, the Editorial by Carruthers and Bramley’s replay. All the contributes has been published on the IBPA Bulletin n. 572, 10th September. Read the full story

Giorgino Duboin’s column

Italian style 02The Neapolitan Club staff is honoured to welcome a new illustrious contributor: Giorgino Duboin. The great Italian champion will write a series of articles mostly dedicated to his international bridge activities. Duboin’s Column »

Norberto Bocchi’s column

MyWay-logoThe great Italian champion Norberto Bocchi contributes articles on a regular basis to Neapolitan Club. Norberto refers in his column ‘My Way’ to political issues which may arise in the bridge world and sometimes he describes interesting hands. Read Bocchi’s column»   Read Bocchi’s interviews»

Rhoda Walsh Notes

Rhoda_WalshWalsh No Trump Notes by Rhoda Walsh: a study on No Trump openings with their developments  in uncontested and contested auctions. Table of Contents »
Annotations by Rhoda Walsh on the 1 Notrump game forcing  response in the "2 over 1 game forcing system" (Walsh System).Table of Contents»

Simply the Best

Best articles by Paolo Enrico Garrisi: open »

Let’s talk to the Champions!

Best interviews run by Laura Camponeschi: open »

Momorizing at Bridge

Are there techniques to develop some specific memory? Could be possible to make a choice of what might be more useful to memorize? Read what the champions say: open »

Silvio Sbarigia

 

SILVIO SBARIGIA is a pharmacist; he was born in Rome and lives there. He has won the European championship in 1975 with legendary Blue Team, runner up at 1974’s and at Olympic games of 1976.  Sbarigia is member of Neapolitan Club Technical Commettee. His bridge problems aren’t difficult; just we need to think on a plan and to avoid the instinctive playing. Bridge quizzes by Sbarigia »

Laura Cecilia Porro

Laura-Cecilia-Porro 142
Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.