Veldhoven 2011: pronostici e risultati

english version »

D’Orsi Senior Bowl. In questo torneo Neapolitan Club aveva detto che la favorita era la Polonia. Sono stati invece sconfitti dalla Francia, e la seconda ora sta battendo in finale Usa2. “Favorita” è la squadra che si ritiene vincerà in un evento; in un gioco dove non sempre la fortuna si tiene fuori, il pronostico è accettabile anche se quella squadra non vince, ma è sconfitta solo dai vincitori. Se la Francia vincerà, la nostra previsione sulla Polonia sarà stata almeno ragionevole.

Gli Italiani, nella D’Orsi Bowl, si sono piazzati dodicesimi nel girone. Noi non dicemmo nulla su di loro, e in effetti ben poco c’è stato da dire: hanno condotto un torneo pacifista, non hanno mai minacciato d’invadere i territori della qualificazione.

La Seniores Italiana è stata formata con qualcosa di simile ai trials, tornei preliminari, e la nostra coppia più forte, Mosca-Sbarigia, non è riuscita a prevalere. Nella Bermuda Bowl del 1965, due delle tre coppie vennero dai trials: Belladonna-Avarelli e D’Alelio-Pabis Ticci. La coppia Forquet-Garozzo, una delle più forti di tutti i tempi, si piazzò solo quinta; entrarono in squadra solo perché Capitan Perroux sapeva che anche la sfortuna gioca a bridge, e si era riservata la prerogativa di nominare una coppia. Il Capitano Bernasconi, nella D’Orsi Cup del 2011, ha riservato il posto al solo Mosca, accoppiandolo con Antonio Vivaldi e lasciando a casa Silvio Sbarigia, il nostro giocatore più forte e partner naturale di Mosca.

Nella Venice Cup c’erano molte squadre forti; era difficile dire chi potesse vincere, così non l’abbiamo detto. Abbiamo solo annotato che nella Francia gioca la più forte del mondo, Catherine Saul D’Ovidio; La finale nella Venice Cup è Francia-Indonesia. Le giocatrici Indonesiane sono: Lusie Olha Bojoh, Fera Damayanti, Suci Amita Dewi, Kristina Wahyu Murniati, Riantini, Julita Grace Tueje.

Inghilterra e Olanda, in lotta per il terzo posto, hanno fatto un grande torneo. La sorpresa negativa è stata la Germania, che ha fallito la qualificazione. L’Italia si è piazzata dodicesima, ma hanno fatto un bel torneo, lottando come leonesse e rimanendo vicine a raggiungere i quarti fino all’ultimo giorno.

Bermuda Bowl. Nella Sfida Romantica l’Italia era favorita, un po’ più di Usa1 e Usa2: noi davamo 40% all’Italia, 25% ad ognuna delle americane e 10% a tutte insieme le rimanenti diciannove. Abbiamo visto giusto su Usa2; era sbagliata la sottostima dell’Olanda – ora sta giocando la finale contro gli Americani di Bathurst – ed era sbagliata la valutazione dell’Italia. È doloroso dover ammettere che non sono stati sfortunati: sono stati meno forti di quanto ci si aspettasse. Osserviamo queste due classifiche.

 A sinistra c’è il punteggio totale al termine dei ventuno turni di qualificazione; a destra, invece, c’è quello degli incontri diretti a sedici mani in cui le otto che poi si sono qualificate hanno giocato una contro l’altra, negli stessi turni.

A sinistra gli Italiani sono i più forti del mondo; a destra, invece, sia Usa2 sia l’Olanda li precedono. Bisogna notare che poco cambia nella posizione delle altre squadre; la differenza principale riguarda l’Italia: è prima se gioca contro tutte, deboli e forti; scivola in terza posizione, invece, se gioca solo contro le sette migliori.

La verità è a destra, e i fatti lo stanno testimoniando: l’Italia rimane ancora una grande squadra, ma in questo momento non è più che terza nel mondo.

***

Paolo Enrico Garrisi

27/10/2011

(Visited 106 times, 1 visits today)
Previous Entries Bermuda Bowl 2011: Italy wins bronze Next Entries Veldhoven 2011: Forecasts and results