Ricordo di Tonci Radelja: Sfida Cayne-ICL

English version»

Tonci RadeljaGiovedì 9 gennaio 2014 alle 20:00 si giocherà su BBO un incontro Cayne-Intercity League in memoria di Tonci Radelja, il fondatore di InterCity League scomparso in novembre. La squadra ICL sarà composta da Colasante-Garrisi (Ascoli Piceno, detentori del titolo ICL), e Gillis-Murdoch (Glasgow, secondi classificati). La coppia italiana giocherà il Fiori Napoletano di Chiaradia.

Era la primavera del 2004 quando Tonci Radelja, professore di matematica all’Università di Spalato, istituì BBO InterCity League (ICL), un evento a squadre tra città europee che si svolge due volte all’anno, in primavera ed autunno. Quell’edizione fu vinta da Belgrado; adesso è in corso la ventesima.

Lo scopo di Tonci era molto più che metter su un torneo; lui era sicuro che un gioco sociale come il bridge, se opportunamente accostato, avrebbe avuto il potere di unire la gente, genti di differenti comportamenti, usi, credo, lingua – non tutti parlano inglese in ICL – e i fatti gli hanno dato ragione. Col passare degli anni i giocatori di ICL si sono conosciuti ed hanno imparato a stimarsi sempre di più, molti sono divenuti amici, giocano insieme anche fuori degli incontri formali; alcuni si sono anche incontrati nel mondo concreto.

Tonci ci ha lasciati in novembre; i suoi amici hanno pensato che meritasse di venire ricordato come Maestro di Amicizia, cioè il maestro che insegna alla gente a diventare amici.

Grazie a Jimmy Cayne – e grazie alla Signora Aeron Mouat – si giocherà un incontro in ricordo di Tonci tra lo stesso Jimmy Cayne (Jec in BBO), e una squadra ICL composta da una coppia di Ascoli Piceno, campione in carica, e un’altra dei secondi, Glasgow. Direttrice sarà Aeron Mouat (1Ironwoman), o Susanna Bellini (Susina 8).

La coppia scozzese: Cliff Gillis con John Murdoch. Giocano 2/1 forzante a partita, con quinta maggiore e 15-17 1NT. Il loro scarto è rovesciato per il conto e standard per il gradimento – cioè alta chiama o mostra conto dispari.

Gli italiani: Fabio Colasante con Paolo Enrico Garrisi (o Piero Millevoi). Giocano il Fiori Napoletano di Eugenio Chiaradia, esattamente l’edizione del 1966: Fiori Forte; nobili quarti; apertura solida; due debole ma costruttiva (7-12 punti); 1NT bilanciata 12-16 con solo fiori; Principio di Preparazione; Corto-Lungo nel rovescio dell’Apertore. Contro punitivo a basso livello; scarto rovesciato in conto o gradimento; attacco in conto o Rusinow.

garozzo 01Cayne giocherà con Benito Garozzo e la coppia gallese Peter Goodman-Mike Pownall; questi fanno parte della squadra di Cardiff che ha vinto l’ICL di primavera 2012, battendo in finale proprio Ascoli Piceno.

Garozzo e Cayne giocheranno il sistema Cayne, un sistema solido la cui filosofia è “Non fare barrage se non hai mano buona. Non dichiarare se non hai nulla da dichiarare”. Dichiarando leggeri – lui pensa – si danno agli avversari troppe informazioni sulla distribuzione. Questa è anche l’opinione di diversi grandi campioni, come Mike Lawrence e Bob Hamman, per esempio: se ti fosse concesso di guardare le carte del tuo compagno o quelle di uno dei due avversari, quali sceglieresti? L’avversario, ambedue rispondono nei loro libri (da “At the Table”, di Bob Hamman e Brent Manley, 1994 DBM Publications, Memphis, e da “I fought the law”, di Mike Lawrence e Anders Wirgren’s, 2004 Mikeworks, Brentwood TN).

 

Carta delle Convenzioni del Fiori Napoletano (ricostruita da Paolo Enrico Garrisi in base al libro di Eugenio Chiaradia pubblicato da Mursia nel 1966): clicca qui >>

Tonci Radelja, Master of Friendship >>

***

Paolo Enrico Garrisi

(Visited 185 times, 1 visits today)
Previous Entries XXVII Torneo Internazionale di Bridge & Golf Costa Calida Next Entries In Memory of Tonci Radelja: Match Cayne-ICL