Crea sito

Categorized | eventi, ITALIANO, Poznan 2011

Poznan 2011 – Open Team: I Quarti di Finale raccontati da Gluck

Posted on 28 June 2011

Archiviati gli ottavi di finale degli Europei, notiamo che l’unica superstite nelle varie serie è la Lavazza nello squadre open… per il resto è un po’ come gli Italiani al torneo di tennis di Wimbledon nella seconda settimana dello stesso, ossia tutti turisti.C’è da dire che la squadra Monaco A sta facendo un fantastico europeo essendo rimasta una delle magnifiche 8. La squadra Patanè si è comportata magnificamente e pur non essendo ancora in gioco merita i notri complimenti.

Comunque, ovviamente, succede spesso che la squadra di Norby resti l’unica in lizza ed attiri quindi tutte le simpatie, ed il tifo, degli italiani rimasti a casa.

Molti caduti durante il percorso, e le squadre superstiti sono tutte di altissimo profilo, rapidamente, oltre alla Lavazza troviamo Wrang, Texas Aces, una delle Olandesi (la white), Bessis, Rosenthal, Monaco A come detto prima, e l’altra favorita iniziale, ossia Mahaffey, la squadra dei mostri sacri Rodwell e Meckstroth. La finale più bella e più intensa sarebbe stata quella tra i nostri e loro, ma un meccanismo ottuso fa si che queste due corazzate si scontrino proprio ai quarti di finale, ed è l’incontro che abbiamo seguito (insieme ad altre varie migliaia di spettatori).

E’ comunque un peccato pensare che 2 turni da 14 mani dovranno definire quale delle due va avanti e chi torna a casa.

Per il primo turno schieriamo Bocchi-Madala opposti a Mahaffey-Cohler, mentre contro i Meckwell si schiera in chiusa la “strana” coppia turco-islandese di Tokay e Baldursson.

Come previsto il match è equilibratissimo, qualche lieve errore della sala chiusa è bilanciato dalla forma di Bocchi e Agus (ad esempio, al primo board Madala è pizzicato ad 1NT dbled e va -2, mentre nell’altra sala a parità di licita il Contro non viene retto ripiegando su un parziale che non bilancia il -300), ed il punteggio resta basso con, a metà turno (7 mani) gli yankee in lieve vantaggio (+5, 12-7).

Il board 8 può spostare parecchio:

7NT non lo chiama nessuno e l’equilibrio non si sposta. Per la cronaca gli unici a chiamare il grande sono i francesi di Bessis contro Netherlands white.

Al board 9 il primo grande e sanguinoso errore della chiusa:

Mentre Bocchi e Madala contro giocano un normale 2 picche e lo battono, nella sala chiusa un dichiarazione aggressiva dei nostri li porta a contrare il 2 cuori di Rodwell. Sembra una cosa buona, avendo circa 8 assi sulla linea, ma un contro gioco diciamo… lacunoso (eufemismo) fa fare 8 prese ai verticali. +470 a loro e + 9 imps, ed il punteggio di 7-21 inizia a farsi pericoloso, anche perché non sembra che gli opps siano intenzionati a regalarcene molti di imps.

Altre mani pari, anzi con 1 imps sempre Mahaffey, e si giunge ad una mano (board 13) dove secondo me Norby fa un capolavoro in dichiarazione.

Tutti in zona, est apre 1♥, passo di Agus, 2♣ di Ovest (GF), e…. 2♥ di Bocchi a dare la bicolore. Questa stupenda dichiarazione sortisce il seguente effetto: Agus butta là 4♠ che, come stanno le carte si farebbero pure, ma Mahaffey messo sotto pressione dichiara 5♣, contrate. Una difesa perfetta (attacco 9♠ che urla “ho il taglio a cuori !”, e quindi cuori taglio, quadri asso e cuori taglio, e ancora il K♠) fanno 800 per noi 12 imps. Bridge fantastico, per intenditori.

Con ancora un board da giocare per il primo turno e ancora sotto di 3, i nostri in aperta decidono di tirare una manche a 4♥ che si fa, mentre di la stranamente remissivi i Meckwell la mancano. Morale + 6 e +3 nel computo finale che si fissa 25-22, a testimoniare un buonissimo livello di gioco (47 imps spostati in 14 board).

Il secondo ed ultimo round inizia e continua come era finito il primo, ossia gran bel bridge. Da noi entrano Duboin e Sementa opposti stavolta a Lev e Pszczola, mentre Rodwell e Meckstroth raggiungono in aperta Norby ed Agus.

Nei primi 11 board la sequenza degli imps è la seguente +3,+1,+1,-7,0,0,0,0,0,0,0 … sembra il punteggio di un incontro di baseball. A 3 board dalla fine, il fattaccio (board 26)

La dichiarazione dopo l’apertura di 1♦ da parte di Est, DBL da parte di Sud, appoggio a 2♦ da parte di West, porta i verticali a giocare manche, 4♥ per Pszczola in chiusa e poco dopo per Norby in aperta… il polacco naturalizzato americano fa l’impasse alla Q♥ mentre Norberto batte in testa. Un paio di picche ed una fiori non sono alienabili, frullano via 12 imps, ed il tempo per recuperare non c’è…. 2 mani piatte concludono un incontro bellissimo, perso per un pel di carota.

Penso che del board 26 se ne parlerà a lungo, su quale è la linea di gioco percentualmente migliore, Complimenti ai vincitori, maestosi come sempre i Meckwell, ma obbligatorio applaudire e possibilmente con grande enfasi i nostri, autori di un incontro all’altezza delle aspettative, e comunque per tutto il campionato fatto.

Negli altri 3 quarti di finale, ancora una volta eccellente Monaco A che dopo aver vinto largo il primo tempo limita le perdite nel secondo e si qualifica per la semifinale (complimenti Marco), così come si qualifica la squadra franco-tedesca di Bessis (Bessis x 2 e Piekarek-Smirnov). Combattutissimo l’ultimo quarto tra Wrang e i Texas Aces (rigorosamente indiani del sud asiatico) che vede alla fine prevalere questi ultimi per soli 7 imps.

A lato dell’open a squadre sono in corso varie competizioni a coppie, l’open e i tornei riservati a fanciulle (women) e a non più giovanissimi (seniores). I migliori per ora sono nell’open Giubilo-Zaleski attorno alla 20esima posizione, e De Biasio-Gigliotti 14esime nel femminile. Ancora meglio fanno Gigli-Violini che nei seniores sono al momento al 5° posto.

Bravi ed in bocca al lupo a tutti.

Gluck

(Visited 182 times, 1 visits today)

Comments are closed.

Giorgino Duboin’s column

Italian style 02The Neapolitan Club staff is honoured to welcome a new illustrious contributor: Giorgino Duboin. The great Italian champion will write a series of articles mostly dedicated to his international bridge activities. Duboin's Column »

Norberto Bocchi’s column

MyWay-logoThe great Italian champion Norberto Bocchi contributes articles on a regular basis to Neapolitan Club. Norberto refers in his column ‘My Way’ to political issues which may arise in the bridge world and sometimes he describes interesting hands. Read Bocchi's column»   Read Bocchi's interviews»

Rhoda Walsh Notes

Rhoda_WalshWalsh No Trump Notes by Rhoda Walsh: a study on No Trump openings with their developments  in uncontested and contested auctions. Table of Contents »
Annotations by Rhoda Walsh on the 1 Notrump game forcing  response in the "2 over 1 game forcing system" (Walsh System).Table of Contents»

Simply the Best

Best articles by Paolo Enrico Garrisi: open »

Let’s talk to the Champions!

Best interviews run by Laura Camponeschi: open »

Momorizing at Bridge

Are there techniques to develop some specific memory? Could be possible to make a choice of what might be more useful to memorize? Read what the champions say: open »

Silvio Sbarigia

 

SILVIO SBARIGIA is a pharmacist; he was born in Rome and lives there. He has won the European championship in 1975 with legendary Blue Team, runner up at 1974’s and at Olympic games of 1976.  Sbarigia is member of Neapolitan Club Technical Commettee. His bridge problems aren’t difficult; just we need to think on a plan and to avoid the instinctive playing. Bridge quizzes by Sbarigia »

Laura Cecilia Porro

Laura-Cecilia-Porro 142
Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.