Lavazza vince il Trofeo Vanderbilt a New Orleans

English version »

Lavazza Team wins Vanderbilt 2015 (ACBL)La squadra sponsorizzata da Maria Teresa Lavazza ha vinto il Vanderbilt Knockout Teams 2015 a New Orleans (Louisiana, USA), battendo in finale la squadra Diamond per 155 a 110. Il team Lavazza: Giorgio Duboin, Zia Mahmood, Norberto Bocchi, Agustin Madala. il team Diamond: John Diamond, Brian Platnick, Eric Greco, Geoff Hampson, Marc Jacobus, Eddie Wold.

 

I risultati completi sono consultabili dalla piattaforma di BridgeWinners: clicca qui »

oppure dal sito della ACBL: clicca qui »

La mano: Il Passero Solitario – Finale Lavazza vs Diamond. Board 27, secondo di quattro segmenti. Tutti in prima.

La poesia “Il Passero Solitario” è tra le più belle di Giacomo Leopardi (Recanati 1798 – Napoli 1837). Dalla cima di un’antica torre un passero aggiunge il suo canto alla bellezza della primavera, e “…Erra l’armonia per questa valle”.

Qualche volta una mano sembra banale, ma improvvisamente si leva un trillo che ne svela l’armonia.

La bicolore maggiore 6-4 di Bocchi è più che sufficiente per aprire in qualsiasi posizione, non solo in terza, ma bisogna essere pronti a svalutarla se il compagno non dà le giuste risposte. Dopo la risposta 1♠ di Madala, viene la forte tentazione di saltare a manche, o almeno ad un invitante 3♠, ma non sarebbe per nulla armonico. La questione è semplice: per raggiungere la manche, Nord ha bisogno che Sud gli porti almeno 9-10 punti buoni, di teste; se Sud ha questi valori, non passerà su 2♠, quindi non occorrono né salti né inviti.

La risposta 2NT di Madala ha una forma ben delineata: mano bilanciata e piccolo aiuto a cuori, difficilmente meno di Qx

Hampson attacca di ♣K; Greco prende e devia a quadri, incassando asso e re, quindi gioca picche; Bocchi prende ed elimina le atout, quindi gioca le cuori di testa, e non gli occorre neanche il taglio. Ben cantata, Norberto e Agostino.

Final hand

Nell’altra stanza la licita è stata differente; Diamond, in sud, ha aperto 1 (convenzionale), Platnick ha risposto 1 e Zia è entrato in licita con 1NT, intralciando gli avversari, che non trovano più il fit a picche e finiscono a 4. È un contratto peggiore perché adesso occorrerà l’impasse a cuori.

Zia attacca quadri e incassa anche l’asso di fiori, poi gioca picche. Platnick inizia le cuori partendo col fante; Zia copre: a causa del suo 1NT non può più nascondere i suoi punti, quindi almeno nasconde il dieci (Zia nasconde sempre qualcosa agli avversari). Ora Platnick tenta l’impasse al dieci, che fallisce.

 

***

Paolo Enrico Garrisi

 

Vanderbilt 2015 »

 

(Visited 472 times, 1 visits today)
Previous Entries Vanderbilt 2015: Finale Next Entries Lavazza wins Vanderbilt in New Orleans