InterCity League Autunno 2016

English version »

by esme 42La 26a edizione di InterCity League (ICL), inizierà mercoledì 12 ottobre e terminerà mercoledì 11 gennaio. ICL è il campionato internazionale a squadre su BBO istituito nel 2004 dal compianto Tonci Radelja, un professore di matematica croato che amava il bridge e lo usò come mezzo per divenire amici. Così scrisse Tonci diversi anni fa:

“Pensate a questo come una serata al vostro club locale: siate amichevoli e godetevi il piacere di incontrare vecchi e nuovi amici al tavolo”

La prima edizione fu vinta da Belgrado; la squadra più titolata è Ascoli Piceno, con otto vittorie; detentrice del titolo è Spelonga di Arquata del Tronto. Il torneo si tiene due volte all’anno, in primavera ed autunno; le squadre devono portare il nome di una città (ecco perché “Intercity”). Il torneo si sviluppa in due fasi: girone di qualificazione e successivi incontri ad eliminazione diretta. Le squadre sono divise in gruppi; le migliori accederanno alla fase ad eliminazione diretta (non più di sedici o del 50 per cento delle iscritte).

Non ci sono limiti al numero di giocatori; ogni capitano ne potrà schierare quanti ne vuole, ma quelli che non hanno giocato nella fase di qualificazione non saranno ammessi a quella ad eliminazione diretta, salvo che non sia assolutamente necessario per completare il quartetto.

L’incontro deve essere obbligatoriamente giocato il mercoledì alle 20:45-21:00, salvo che i capitani non decidano diversamente, ma lo spostamento può essere fatto solo eccezionalmente.

Nella fase di qualificazione gli incontri saranno di sedici mani. Nella fase ad eliminazione saranno di ventiquattro mani, o in numero maggiore se i capitani si accordano in questo senso, ma non più di ventotto. Le condizioni di base sono: barometro inattivo, undo attivo (ma solo per vero errore meccanico: la distrazione è un errore tecnico che va pagato), angolisti ammessi ma silenti; anche queste condizioni possono essere cambiate per accordi tra i capitani, salvo per gli angolisti, che non possono essere esclusi e che si raccomanda di non consentirgli di parlare al tavolo.

Sistemi ammessi. Nella fase di qualificazione, con sedici mani ad incontro, non sono ammessi sistemi che richiedano che gli avversari debbano studiarli in anticipo, come Brown sticker, Highly Unusual Method (HUM), o qualsiasi sistema con basso livello d’apertura (11 punti o meno in mano bilanciata, escluso il caso della psichica) e lunghe sequenze in relais. Nella fase ad eliminazione diretta, con ventiquattro mani per incontro, sono ammessi tutti i sistemi, ma nei casi detti sopra deve essere inviata la Carta delle Convenzioni entro il 15 novembre, e gli avversari hanno il diritto di rifiutare il sistema o di consultare difese scritte preparate in anticipo.

Per ogni questione si possono contattare Turbin o Willemm (nomi in BBO di Paolo Enrico Garrisi e di Willem Mevius), oppure si scriva a Garrisi: [email protected]

***

 

(Visited 233 times, 1 visits today)
Previous Entries Wroclaw 2016: la WBF ritira l'invito per Rossano e Vivaldi Next Entries 2016’s Fall InterCity League