Il Torneo città di Monza raccontato da Gluck

Torneo Città di Monza – Domenica 26 Giugno 2011.  Il torneo brianzolo di oggi chiude il trofeo delle Province (Varese-Lodi-Cremona-Monza): un poker di tornei che hanno incontrato il favore dei bridgisti, molti dei quali si sono presentati a tutti e 4 gli appuntamenti. Esperienza da ripetere ed un plauso agli organizzatori. Numerosa la partecipazione con 88 coppie al via, che di questi tempi è un gran bel numero.

 Non solo, nel corso della settimana le prenotazioni hanno “costretto” alla rinuncia alcune coppie del circolo Monzese, per far posto a coppie diciamo forestiere. Abbiamo infatti incontrato tra gli altri anche gente arrivata appositamente dalla lontana Torino (Luigi Corti, ad esempio), segno che il torneo era stato ben pubblicizzato.

Il torneo a coppie open ha visto la consueta partecipazione di alcuni campioni locali (Arturo Franco su tutti) e comunque il livello medio espresso dal parterre è stato di ottima levatura.

Come i precedenti tornei, anche in questo erano in funzione le famigerate “macchinette” al tavolo, le bridge-mate, dove inserire il risultato: di conseguenza, classifiche e fiche in tempo reale, nonché scheda personalizzata per ogni coppia tra un tempo e l’altro, con estremi delle coppie incontrate, risultati, punteggi e percentuali. Ottimo servizio.

Immancabile e ricchissimo il buffet finale a far da cornice, all’aperto ed in una giornata di piena estate, alla premiazione.

Vincono questo gran bel torneo la coppia mista Mandelli-Mariani (vecchie conoscenze di BBO dove il “Micio”, soprannome datogli dagli amici, è conosciuto come Ofelia e gioca sempre fisso o quasi con la sua partner Angj), su Cesati-Meregaglia e a completare il podio la coppia Recalcati-Damiani. Molte altre le coppie premiate, oltre ai premi speciali, hanno creato un’atmosfera di allegra simpatia e partecipazione.

Come detto all’inizio, manifestazione di successo, da rifare sicuramente.

Classifica completa >>

***

Gluck

(Visited 258 times, 1 visits today)
Previous Entries L'opinione di John Carruthers sul progetto Zimmermann Next Entries Zimmermann: Giocare gli Europei 2012 è ora un sogno lontano