Filadelfia 2010 – Rosenblum Cup: le semifinali raccontate da Gluck

 Due  giorni alla fine e 4 squadre a contendersi la Rosenblum Cup. Zimmermann-Diamond e Nickell-Wolfson le semifinali, due incontri per buongustai e fini intenditori.Forse abbiamo speso poche parole sulla squadra Nickell e voglio colmare questa lacuna. La formazione base è compsta da Eric Rodwell – Jeff Meckstroth, Bob Hamman – Zia Mahmood, Ralph Katz – Nick Nickell.

Lo sponsor è Nickell, ma a detta di tutti è molto più di un semplice mecenate, è un vero e proprio campione solo più ricco degli altri, ed il suo livello è assolutamente adeguato al resto della squadra. Katz è il suo compagno ideale.

Bob Hamman e Zia, coppia talentuosa e fantasiosa con Zia che nonostante la sua infinita classe stava iniziando ad acquisire la nomea dello “splendido perdente” in quanto più volte finalista di tutto e raramente vincitore di qualcosa. Poi si è inserito in questa squadra, ha iniziato a vincere robette tipo la Bermuda Bowl ed ha messo a tacere tutte le voci.

E poi i Meckwell. L’aggressività al limite della violenza (bridgistica s’intende), killer da tavolo verde con talento infinito. La loro tattica è semplice, aggredire, aggredire, aggredire. Quando non aggrediscono, pressano. Guardate i loro score: una sfilza infinita di manche, con simpatia maggiore per 3NT che il loro vangelo bridgistico impone di chiamare a prescindere da forza, distribuzione, dichiarazioni avversarie. E una volta dichiarato il 3NT le carte degli avversari diventano come trasparenti e se c’è una possibilità per quanto remota loro la trovano.

Nei primi 4 board di questa semifinale hanno chiamato 3 volte 3NT; si fanno, non si fanno, c’è di meglio, non si sa e non importa, ma quando ti alzi alla fine dell’incontro hai l’impressione di aver combattuto 15 round contro Mohammed Alì.

Anche il loro sistema, che è base fiori forte in stile Precision, nobili 4 e al limite per certe mani anche solo 3 carte, 1NT 14-16 o 15-17 in base a zona e posizione, 2 fiori come tutti i sistemi a base di fiori forte mono-bicolore, 2quadri per mani tipo le tricolori senza le quadri, 2 Nobili per le sottoaperture ma, attenzione, con numero di carte indefinito tra 5 e 7, dicevo, anche il loro sistema è stato costruito con un solo obiettivo, ossia verificare se esiste una sia pur minima possibilità di fare 3NT, e chiamarlo.

Spettacolo nello spettacolo. Buon divertimento.

Gluck

 

 

 

(Visited 94 times, 1 visits today)
Previous Entries Italians in Philadelphia photographed by Lema Next Entries Filadelfia 2010 – Rosenblum Cup: semifinali (terzo turno)