Europei 2010 – Le Regine d’Europa

  read english version >>

La squadra francese ha vinto l’edizione 2010 del campionato europeo femminile. All’inizio dell’ultimo round, la classifica era:

 

 

Francia 480 VP (Victory Points)

Olanda 479

Svezia 476

Germania 473

Inghilterra 472

Germania ed Inghilterra non potevano più sperare: sette o otto VPs non sono il Cervino, ma troppe cordate stavano salendo davanti a loro. L’Italia era settima con 450, lontana dalla sesta (Polonia, 4679, ma bene in corsa per un posto nella Venice Cup del 2011.

 

Dopo 8-10 mani la situazione era:

Francia 505

Olanda 502

Svezia 501

Le avversarie erano rispettivamente Turchia, Svizzera e Repubblica Ceca, tutte nella parte bassa della classifica.

 

Tutti abbiamo una squadra favorita, quella del nostro Paese. Cionondimeno, di fronte ad una situazione mozzafiato come questa il nostro cuore sanguina un poco anche per gli avversari. Se abbiamo un cuore, non ha importanza da quale nazione noi veniamo, Francia, Olanda o Svezia, se abbiamo un cuore le vorremmo tutte vincenti.

 

Ma la classifica il cuore non ce l’ha, ed ecco cos’ha decretato quando la Francia era a cinque mani dal termine:

Francia 505

Olanda 504

Svezia 501

Francia e Olanda stavano ambedue vincendo di 25, ma la Francia aveva un vantaggio di 101-14, e tempo era giunto che cessasse ogni speranza.

 

Queste sono le campionesse: Veronique Bessis, Benedicte Cronier, Catherine D’Ovidio, Daniele Gaviard, Joanna Neve, Sylvie Willard. (Nota: nell’articolo “Cinque regine per il trono di Ostenda” già le abbiamo chiamate “regine”, ma in quel momento era un pronostico ovvio: avevano vinto il titolo nel 2006 e nel 2008.

Queste sono le seconde, dall’Olanda: Laura Dekkers, Marion Michielsen, Jet Pasman, Anneke Simons, Martine Verbeek, Wietske Van Zwol.

Medaglia di bronzo per le svedesi: Pia Andersson, Jessica Larsson, Cecilia e Sandra Rimstedt, Sara Sivelind, Emma Sjoberg.

 

(Visited 49 times, 1 visits today)
Previous Entries 2010's Europeans - The Queens of Europe Next Entries 2010's Europeans - Silvio Sbarigia's opinion about Open (I part)