Doping nel Bridge italiano

English version »

coni logo 3Il Coni (Comitato Olimpico Nazionale Italiano) ha reso noto che ” a seguito degli esami eseguiti dal Laboratorio di Roma, è stato accertato un caso di positività. Nel primo campione analizzato, è stata rilevata la presenza di Idroclorotiazide e Clorotiazide per Roberto Rivera, tesserato della Federazione Italiana Gioco Bridge, al controllo in competizione disposto dal Comitato Controlli della CONI NADO il 1° giugno 2013 a Salsomaggiore, in occasione dei Campionati Assoluti squadre miste.

Il TNA ha provveduto a sospendere l’atleta in via cautelare, accogliendo l’istanza presentata dall’Ufficio di Procura Antidoping.”

Roberto Rivera ha partecipato ai Campionati Assoluti a squadre miste nella squadra Hugony – ASD N.CANOTTIERI OLONA (con Fabrizio Hugony,  Barbara Dessi, Vera Tagliaferri, Leonardo Cima, Laura Consonni), classificata quinta nella serie eccellenza.

I Campionati Campionati Italiani assoluti a squadre miste si sono svolti a Salsomaggiore Terme (Parma) dal 30 maggio al 2 giugno 2013.

***

 Fonte: CONI

*** Aggiornamenti ***

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

Ho letto la news sul caso di doping, e ritengo sia doveroso precisare che il giocatore in questione aveva avvertito prima del test di prendere molti farmaci per il cuore. Aveva anche con sé la relativa documentazione (in albergo) che non aveva prodotto prima perché non sapeva di doverlo fare. A stretto rigore di Codice Antidoping la sua è quindi una violazione, ma credo che la notizia andrebbe ridimensionata.

Maurizio Di Sacco

(Arbitro Capo FIGB, EBL e WBF)

22 giugno 2013

***

 

 

***

 

(Visited 745 times, 1 visits today)
Previous Entries Laura C. Porro: A few words about Ostend's Side Events Next Entries Doping case in Italian Bridge