Get a site

Coppa Italia 2010: pronti, ai posti, via!

L’anno agonistico sta volgendo al termine e l’ultima manifestazione è la Coppa Italia. In quel di Salsomaggiore si affronteranno tutte le finaliste delle varie categorie previste a partire da giovedì 16 dicembre. Nel Men ai nastri di partenza 16 formazioni una più agguerrita dell’altra. Quest’anno la squadra Angelini  non sembra essere la prevista vincitrice a mani basse. I rimescolamenti dei giocatori e le assenze infatti vedono partire molte squadre con lecite ambizioni di successo finale.

Tra queste voglio pronosticare Zaleski (Versace-Zaleski, Lauria-Giubilo e D’avossa-Intonti), Patanè (Patanè, Caiti, Colotto, Lanzarotti, Manno, Pattacini, Pochini, Zaffino), D’avossa (il nome è rimasto, ma il giocatore è passato con Zaleski), che si schiera con Attanasio-Failla, Gullotta-Sabbatini, e ancora Russo, Pavin e Cerreto che mi mancherà al fianco nel commento in Vugraph.

Ma, a ben leggere i componenti delle varie formazioni, nessuna delle altre costituirebbe in fondo una sorpresa assoluta.

Il campionato avrà un anticipo, in quanto 2 squadre (Fornaciari-Pauncz) dovranno effettuare preventivamente uno spareggio a Bologna per stabilire la 16esima squadra del tabellone.

Quasi tutta l’Italia è geograficamente presente, dalla Sicilia (Cammisa) risalendo fino alle Alpi. Tra le più al Nord vi ricordo la presenza di Varese Uggeri, che avete tutti ben conosciuto per le note vicende della finale del Societario.

Infine, per l’amicizia che mi lega a loro, seguirò con particolare simpatia la squadra romana Bonavoglia che, oltre ad aver eliminato la mia di squadra (compito tutto sommato abbastanza facile, in effetti :)) si presenta con Amedeo Cecere e Fabio Zampini, Guido Bonavoglia e Leo Politano, arricchiti dalla forte coppia Di Febo-Eusanio.

Un in bocca al lupo a tutti.

Nel femminile invece una squadra da battere c’è, ed è praticamente la nostra nazionale femminile con il rientro di Simonetta Paoluzi (un abbraccio affettuoso) in coppia con la Golin. Ho avuto il piacere di incontrare questa formazione al recente torneo di Milano ed ho avuto modo di testare (a mie spese) la grande precisione dichiarativa e di gioco della coppie Olivieri-Arrigoni. La formazione si è piazzata meritatamente molto in alto nel girone B del torneo. Particolarmente “muscolosa” ormai Gabriella Olivieri, che si vede sempre in giro con quasi tutto il loro sistema sotto il braccio, del peso di svariati chili di carta. La leggenda narra che lo tenga anche sotto il cuscino mentre dorme, per sicurezza. A parte gli scherzi, è un piacere vedere affermate campionesse che continuano comunque a lavorare sul sistema, adattando una sequenza o modificandone un’altra, con una professionalità che  fa loro onore.

Anche qui tutta l’Italia è degnamente rappresentata e seguirò con simpatia la squadra Diamanti (dove milita la moglie del “nostro” Carlo Carpentieri), la squadra ligure delle sorelle Martellini, e come emissarie dal profondo Sud la squadra di Ragusa – Arnone.

Anche a loro ed al resto delle signore impegnate in questa finale un grosso in bocca al lupo da parte di tutta la redazione.

Gluck.

(Visited 167 times, 1 visits today)
Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.