Crea sito

Categorized | eventi, ITALIANO

Campionati Europei 2014: Il giudizioso Passo di Caterina Ferlazzo

Posted on 30 June 2014

English version »

52 european bridge team championship - logoArchiviato il Campionato Senior, vinto dall’Inghilterra (l’Italia, 21a su 24, non andrà neanche alla Senior D’Orsi Bowl del 2015), i campionati Donne e Open stanno andando verso finali molto combattuti.

Nel femminile l’Inghilterra è al comando, ma l’Italia è vicina, ancora racconta la sua bella storia. La classifica: Inghilterra 251,44 – Italia 241,59 – Olanda 238,67 – Francia 230,09. Quindi seguono Svezia e Romania, troppo lontane per vincere ma ancora nel campo delle qualificate per la Venice Cup del 2015. Settima è la Turchia.

Nell’Open Monaco sembra determinata a tenersi il titolo, ma la Germania sta ancora lottando, e anche le successive tre hanno ancora possibilità di vittoria: Monaco 155,40 – Germania 147,36 – Israele 140,31 – Norvegia 136,39 – Inghilterra 134,45 – Francia 125,08. Settima, ottava e nona, non qualificate per la Bermuda Bowl, ma molto vicine, vengono Danimarca, Polonia e Bulgaria ad un VP e spiccioli. L’Italia è 17asu 18 squadre.

La mano. Essere aggressivi mette gli avversari sotto pressione; spesso non sono in grado di stabilire a chi appartiene il contratto, e non raramente chiamate bizzarre si risolvono in buoni contratti. D’altro canto, però, lo stesso nostro compagno non capisce cosa sta succedendo, e (più frequentemente), i contratti bizzarri risultano essere esattamente i disastri che ci si poteva aspettare che fossero.

Nella mano che segue si confrontano la giudiziosa italiana Caterina Ferlazzo e l’aggressiva svedese Kathrine Bertheau (hanno lo stesso primo nome).

Squadre Donne. Incontro Svezia-Italia. E-O in zona.

In sala chiusa Nord apre 2♠; Kathrine – in zona – interviene a 3♣ con queste carte:

A4 K5387 ♣AJ6543

Andiamo adesso nell’altra sala, dove Nord apre 1NT, che mostra 9-13 punti (da buoni 8 a cattivi 13). Che ha fatto la Caterina italiana? Riscriviamo le carte, e cerchiamo di approfondire la materia pensando come (suppongo), ha pensato lei.

A4 K5387 ♣AJ6543

Lei non aveva modo di approdare al contratto di 2♣: nelle sue convenzioni, la chiamata diretta mostrava i nobili, e il contro mostrava una generica apertura di 12 o più, con ben poche possibilità che la compagna rispondesse 2♣. Inoltre, la compagna poteva rispondere 2 o 2♠, e, se il contratto appartneva agli avversari, avrebbero facilmente trovato il contro punitivo, e poi? Era meglio giocare 2 o 2♠ contrati in un fit 5-2 (ma 2♠ poteva ben essere 4-2), oppure togliere con 3♣?

La risposta – sul rischio di dichiarare questa mano a livello tre – ancora una volta si trova nel Blue Book di Ely Culbertson (1930-1934).

In quel libro Culbertson stabilì la “Regola del due e del tre”: un intervento a livello due deve essere fatto con l’aspettativa di mantenere il contratto se il compagno che non ha ancora parlato porta due o tre vincenti; due in zona o tre in prima.

Perciò Est dovrebbe avere sei vincenti, o sette per salire a livello tre; invece ne conta solo cinque o cinque e mezza. Dal punto di vista di un giocatore aggressivo la carenza non è così grave, ma deve essere notato che, per arrivare a cinque e mezza, Est ha bisogno di trovare tre ingressi al morto per i tre impasse, uno a cuori e due a fiori.

Tornando a Culbertson, lui aggiunse: “Oltretutto, in zona, le prese nel colore di atout devono essere vincenti sicure, cioè calcolate con una distribuzione ragionevolmente sfavorevole invece di una ‘media’”. Il corsivo è suo.

Riassumendo: la giudiziosa Caterina è passata per evitare il rischio di dover ridichiarare a livello tre; l’aggressiva Kathrine a livello tre ci si è messa subito. Questa era la mano completa:

Mano Ferlazzo

In sala aperta le svedesi in N-S, non disturbate da Caterina, hanno raggiunto un facile 4♠+1, +450 per la Svezia. Invece in sala chiusa le Italiane, disturbate dal 3♣ di Kathrine, non hanno trovato il loro contratto di manche, ma neanche l’hanno cercato: hanno contrato 3♣, affondandolo a -5, 1400 punti e 14 IMP per l’Italia.

***

Paolo Enrico Garrisi

(Visited 256 times, 1 visits today)

Comments are closed.

Giorgino Duboin’s column

Italian style 02The Neapolitan Club staff is honoured to welcome a new illustrious contributor: Giorgino Duboin. The great Italian champion will write a series of articles mostly dedicated to his international bridge activities. Duboin's Column »

Norberto Bocchi’s column

MyWay-logoThe great Italian champion Norberto Bocchi contributes articles on a regular basis to Neapolitan Club. Norberto refers in his column ‘My Way’ to political issues which may arise in the bridge world and sometimes he describes interesting hands. Read Bocchi's column»   Read Bocchi's interviews»

Rhoda Walsh Notes

Rhoda_WalshWalsh No Trump Notes by Rhoda Walsh: a study on No Trump openings with their developments  in uncontested and contested auctions. Table of Contents »
Annotations by Rhoda Walsh on the 1 Notrump game forcing  response in the "2 over 1 game forcing system" (Walsh System).Table of Contents»

Simply the Best

Best articles by Paolo Enrico Garrisi: open »

Let’s talk to the Champions!

Best interviews run by Laura Camponeschi: open »

Momorizing at Bridge

Are there techniques to develop some specific memory? Could be possible to make a choice of what might be more useful to memorize? Read what the champions say: open »

Silvio Sbarigia

 

SILVIO SBARIGIA is a pharmacist; he was born in Rome and lives there. He has won the European championship in 1975 with legendary Blue Team, runner up at 1974’s and at Olympic games of 1976.  Sbarigia is member of Neapolitan Club Technical Commettee. His bridge problems aren’t difficult; just we need to think on a plan and to avoid the instinctive playing. Bridge quizzes by Sbarigia »

Laura Cecilia Porro

Laura-Cecilia-Porro 142

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.