Crea sito

Categorized | *ITALIANO, Miscellanea

Bob van de Velde: Nuova ipotesi sull’origine del Bridge

Posted on 27 December 2011

english version »

Yeralash: La scoperta di un anello mancante? – di Bob van de Velde. Per più di un secolo, storici studiosi di bridge e altri giochi di carte si sono occupati dell’origine del nome e del gioco del bridge. Per ora, il documento più antico che contiene informazioni a riguardo è il famoso opuscolo “Biritch o whist russo”, pubblicato da John Collinson nel 1886. Entrambi i nomi nel titolo, la parola “Biritch” e la descrizione di esso come whist russo, portano all’ipotesi che l’origine del gioco  possa essere slava, ma la carenza di evidenza lascia ampio spazio ad altre speculazioni, il che posiziona le origini del gioco a Costantinopoli, il Levante, l’Egitto o l’India.

 Nel giugno 2011, il belga Hans Secelle, dopo lunghe ricerche sulla storia del bridge, ha forse posto fine a tutte queste speculazioni. Nella BCA ha trovato il titolo di un libro, il cui contenuto indica la Russia come il paese di origine del bridge prima della metà del 19esimo secolo.

Nel 1869, Christian Vanderheid, l’autore austriaco di un gran numero di pubblicazioni su giochi di carte, ha pubblicato il suo “ Gründlicher Selbstunterricht zur Erlernung des Jarolasch oder das russische Whist” (Guida estensiva per imparare da soli Yeralash o whist russo), pubblicato a Vienna da Wenedikt. Il suo libro di 32 pagine contiene le regole di un gioco chiamato Yeralash (Jarolasch) che, a parte il gioco con il morto, è pressoché uguale a Biritch come descritto da Collinson nel 1886. Il gioco Yeralash aveva già le seguenti caratteristiche specifiche: una forma rudimentale di licita, la possibilità di giocare a senza atout, una gerarchia dei semi, slam bonus, (sur)contro e punteggi sopra e sotto la linea. Si parla anche del gioco col morto, ma come in Dummy whist, solo come una variante per tre giocatori.

All’inizio del secolo scorso, gli autorevoli Robert Frederic Foster e William Dalton avevano portato
attenzione a una possibile affinità tra “Yeralash” (ci sono varie possibili translitterazioni dal russo: Jarolasch, Jarolasj, Geralasch) e bridge, ma non avevano mai citato la loro fonte per confermare la loro tesi. Più spesso, autori più tardi come Oswald Crawfurd, Milton Work, Emanuel Lasker o George Hervey hanno fatto riferimento al più recente gioco russo Vint (o Wint) come un possibile antenato. Un secolo dopo, i ricercatori di bridge francesi e olandesi Thierry Depaulis e Jac Fuchs hanno citato un manuale, stampato nel 1848 a Mosca, che contiene la descrizione di whist-preference (“vistpreferans”). Sostengono che questo gioco sia stato rinominato Yerolash e che sembra essere il diretto precursore di Biritch. Ma anche loro non hanno mostrato alcuna evidenza o descrizione delle loro fonti. La scoperta di Secelle ha confermato la correttezza delle iniziali assunzioni di Foster, Dalton, Depaulis e Fuchs, anche se quelle di questi ultimi erano vaghe e non provate: sia le regole di Yeralash e il fatto che, come Biritch, il secondo nome di Yeralash sia “whist russo”, indicano innegabilmente che le origini del maggior numero di elementi che sono ora tipici del bridge debbano aver avuto origine in Russia.

Per di più, la scoperta di Secelle dimostra in maniera conclusiva che l’archetipo del bridge esisteva  già nel 1869, 17 anni prima che John Collinson pubblicasse il suo opuscolo! Vanderheid, nel 1869, scrive a proposito della popolarità del gioco nelle zone d’Europa che parlano tedesco, quindi doveva essere stato introdotto lì molto prima, e quindi il gioco Yerolash doveva essere giocato in Russia ancora prima.

Quindi Yeralash può essere considerato come l’anello mancante tra Biritch e il gioco (whist-preference?) che c’era prima di Yeralash. É compito degli storici del bridge trovare evidenza conclusiva dell’esistenza di Yeralash e giochi simili, come whist-preference, inclusi i nomi dei giochi e le loro regole, nelle fonti russe della prima metà del 19esimo secolo.

Bob van de Velde

(Bollettino IBPA n. 561, Ottobre 2011 – Edizione italiana a cura di Laura Cecilia Porro per Neapolitan Club)

27/12/2011

(Visited 168 times, 1 visits today)

Comments are closed.

Giorgino Duboin’s column

Italian style 02The Neapolitan Club staff is honoured to welcome a new illustrious contributor: Giorgino Duboin. The great Italian champion will write a series of articles mostly dedicated to his international bridge activities. Duboin’s Column »

Norberto Bocchi’s column

MyWay-logoThe great Italian champion Norberto Bocchi contributes articles on a regular basis to Neapolitan Club. Norberto refers in his column ‘My Way’ to political issues which may arise in the bridge world and sometimes he describes interesting hands. Read Bocchi’s column»   Read Bocchi’s interviews»

Rhoda Walsh Notes

Rhoda_WalshWalsh No Trump Notes by Rhoda Walsh: a study on No Trump openings with their developments  in uncontested and contested auctions. Table of Contents »
Annotations by Rhoda Walsh on the 1 Notrump game forcing  response in the "2 over 1 game forcing system" (Walsh System).Table of Contents»

Simply the Best

Best articles by Paolo Enrico Garrisi: open »

Let’s talk to the Champions!

Best interviews run by Laura Camponeschi: open »

Momorizing at Bridge

Are there techniques to develop some specific memory? Could be possible to make a choice of what might be more useful to memorize? Read what the champions say: open »

Silvio Sbarigia

 

SILVIO SBARIGIA is a pharmacist; he was born in Rome and lives there. He has won the European championship in 1975 with legendary Blue Team, runner up at 1974’s and at Olympic games of 1976.  Sbarigia is member of Neapolitan Club Technical Commettee. His bridge problems aren’t difficult; just we need to think on a plan and to avoid the instinctive playing. Bridge quizzes by Sbarigia »

Laura Cecilia Porro

Laura-Cecilia-Porro 142
Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.