Affaire Fantunes: la replica di Fred Gitelman al sondaggio on-line

read english version »

BridgeTopics.com ha inaugurato la sua serie di sondaggi on-line con il caso di Monaco. Dopo Jean-Charles Allavena, Presidente della Federazione monegasca di Bridge, anche Fred Gitelman ha inviato il proprio commento. Gitelman è un grande campione di bridge come pure il fondatore e l’amministratore di BBO (Bridge Base Online): sebbene sia nato a Toronto (Canada) oggi è uno dei  più forti giocatori della Nazionale Americana. Queste le sue dichiarazioni:

 

E’ un dato di fatto che le persone emigrano  in altri Paesi per una serie di motivi. Fra questi le opportunità economiche.

 Essendo io stesso un immigrato (dal Canada agli Stati Uniti) sento di aver voce in capitolo:  per me è chiaro che coloro che immigrano legittimamente dovrebbero avere la possibilità di rappresentare  il Paese in cui sono emigrati  nel bridge (o in qualsiasi altro sport ).

Si noti che la WBF ha definito  alcune regole  pensate proprio  per prevenire gli abusi in questo settore:

1) Al fine di rappresentare un Paese,  bisogna risiedervi legalmente e permanentemente oppure avere la cittadinanza del Paese che si rappresenta

2) Al fine di rappresentare  un nuovo Paese, non si deve rappresentare un altro Paese per un periodo di almeno due anni

Supponendo che i Norvegesi e gli Italiani seguano queste regole, non vedo come qualcuno possa avere da ridire su quello che loro stessi o le  autorità di Monaco stanno  facendo.

 

Fred Gitelman

 

fonte: BridgeTopics.com

Leggi e vota il sondaggio on-line >>

(Visited 451 times, 1 visits today)
Previous Entries Affaire Fantunes: Fred Gitelman's replay to online poll Next Entries Michele Leone ricorda Giovanni Albamonte