Affaire Fantunes: la parola a Claudio Nunes e Fulvio Fantoni

read english version »

Alla fine di maggio 2010 Claudio Nunes e Fulvio Fantoni hanno partecipato al Torneo di Onstein nei Paesi Bassi e Jan van Cleeff ha avuto così l’occasione di parlare con loro. L’intervista è stata appena pubblicata nell’ultimo numero della rivista IMP Bridge Magazine e sarà presto disponibile on line  in versione integrale sul nuovo web magazine fondato da Jan van Cleeff ed  Eric Rodwell, BridgeTopics.com: magazine che sarà lanciato e presentato al pubblico la prossima settimana in occasione della  Buffet Cup.

 IMP Bridge Magazine ci ha autorizzato a pubblicare a beneficio dei  nostri lettori qualche  estratto riguardante il cosiddetto Affaire Fantunes, ovvero l’esclusione della celebre coppia dalla nazionale che ci ha rappresentato agli Europei di Ostenda.

 

  Jan van Cleef: Siete dispiaciuti?

Fantunes: Sì, decisamente. Siamo colpiti e dispiaciuti. Ci piacerebbe molto giocare per l’Italia in tutti i campionati importanti. Essere esclusi da una importante competizione, senza – a nostro avviso – una buona ragione, ci fa vivere  una posizione terribile.

[…]

  Jan van Cleef : Lauria-Versace sono, come voi, membri del Team Angelini. Perché la signora Lavazza ha scelto loro e non voi?
Fantunes: ci sono vari  motivi. Prima di tutto, Lauria-Versace sono stati allontanati da Francesco (Angelini, l’altro grande sponsor italiano; JVC). E sono ora membri del Team Lavazza. In secondo luogo, Alfredo Versace ha sempre avuto stretti legami con il gruppo Lavazza. E’ nato a Torino (la città natale della signora Lavazza), e – come junior – ha giocato con Bocchi e Sementa. E per ultimo, ma non meno importante, non c’è mai stata una buona chimica tra Lauria-Versace e noi. Anche se abbiamo giocato nella stessa squadra (Angelini), si potrebbe difficilmente definirci amici.

 

leggi l’intervista integrale ai Fantunes >>

(Visited 915 times, 1 visits today)
Previous Entries Affaire Fantunes: Claudio Nunes and Fulvio Fantoni talk about Next Entries I quesiti di Silvio Sbarigia n. 13 "Può essere che i maestri..."